Diritto e Fisco | Articoli

Sia la madre che il padre, anche se precari, devono mantenere i figli

5 Dicembre 2013 | Autore:
Sia la madre che il padre, anche se precari, devono mantenere i figli

Scatta la condanna penale per la madre precaria che non garantisce ai figli i mezzi di sussistenza primari, anche se il padre versa il mantenimento.

Entrambi i genitori, anche dopo la separazione, sono tenuti a mantenere i figli e a non far mancare loro i mezzi di sussistenza primari. Il genitore che viola tale obbligo commette reato [1] e non può giustificarsi scaricando sull’altro, più benestante, l’onere di doversi occupare del mantenimento dei figli tramite il versamento di un assegno periodico stabilito dal giudice in sede di separazione.

È quanto affermato dalla Cassazione che, in un recente sentenza [2], ha confermato la condanna penale di una madre che, per anni, aveva fatto mancare i mezzi di sussistenza alla figlia minorenne.

Secondo i giudici, il fatto che già uno dei genitori (nel caso deciso della sentenza il padre) provveda al mantenimento dei figli non esenta l’altro dal provvedere altrettanto. Entrambi i genitori devono per legge assicurare le esigenze di vita morali e materiali della prole.

Non rileva neppure il fatto che il genitore sia disoccupato o versi in condizioni economiche precarie; egli, in ogni caso, deve provvedere con i mezzi che ha a disposizione a mantenere i propri figli e a dare il suo contributo essenziale ai loro bisogni.

L’obbligo di solidarietà nei confronti dei figli è previsto dalla legge e il genitore non vi si può sottrarre, con una sola eccezione:

– che dia prova dell’effettiva impossibilità (per mancanza di proprie risorse economiche) di far fronte alle esigenze di vita dei figli.

Dimostrare tale circostanza non è cosa agevole: servono prove concrete e non basta presentare la documentazione attestante lo stato di disoccupazione.

Il giudice, infatti, considera anche le potenzialità occupazionali del soggetto: per esempio se questi è ancora in età da lavoro o addirittura ha un titolo o una qualifica professionale, ma non si impegna nella ricerca di un impiego, non può giustificare l’inadempimento nei confronti dei figli con l’assenza di redditi.


note

 

[1] Art. 570 cod. pen.

[2] Cass. sent. n. 48456 del 4.12.2013.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube