Questo sito contribuisce alla audience di
L’esperto | Articoli

Inosservanza dei provvedimenti amministrativi: ultime sentenze

12 Aprile 2022
Inosservanza dei provvedimenti amministrativi: ultime sentenze

La contravvenzione riguardante l’inosservanza dei provvedimenti dell’autorità dati per ragioni di giustizia; la comminazione di sanzioni amministrative.

Configurabilità del reato di abuso d’ufficio

Anche a seguito della modifica apportata al reato di abuso d’ufficio ad opera del d.-l. 16 luglio 2020 n. 76 deve ribadirsi che l’adozione di un permesso di costruire in violazione delle disposizioni contenute nel piano regolatore o negli altri strumenti urbanistici integra la violazione di specifiche regole di condotta previste dalla legge, così come richiesto dalla nuova formulazione dell’art. 323 c.p..

Cassazione penale sez. III, 08/04/2021, n.33419

Oggetto della contravvenzione

La contravvenzione riguardante l’inosservanza dei provvedimenti dell’autorità dati per ragioni di giustizia a norma dell’art. 650 c.p. può avere a presupposto solo provvedimenti oggettivamente amministrativi i quali, pur se emanati per ragioni inerenti a finalità di giustizia, hanno come contenuto un esercizio della potestà amministrativa destinata ad operare nei rapporti esterni all’attività propria del giudice, con la conseguenza che, fra tali atti, non rientrano quelli tipici della funzione giurisdizionale.

(Fattispecie in tema di inosservanza del provvedimento del giudice civile intimante il rilascio di un fondo rustico, consistita nell’impedimento ad un ausiliario del tribunale di accedere al suddetto fondo).

Cassazione penale sez. I, 08/01/2020, n.2968

Inosservanza dei provvedimenti dell’autorità: la contravvenzione

La contravvenzione riguardante l’inosservanza dei provvedimenti dell’autorità dati per ragioni di giustizia a norma dell’art. 650 cod. pen. può avere a presupposto solo provvedimenti oggettivamente amministrativi i quali, pur se emanati per ragioni inerenti a finalità di giustizia, hanno come contenuto un esercizio della potestà amministrativa destinata ad operare nei rapporti esterni all’attività propria del giudice, con la conseguenza che, fra tali atti, non rientrano quelli tipici della funzione giurisdizionale. (Fattispecie in tema di inosservanza del provvedimento del giudice civile intimante il rilascio di un fondo rustico, consistita nell’impedimento ad un ausiliario del tribunale di accedere al suddetto fondo).

Cassazione penale sez. I, 08/01/2020, n.2968

Inosservanza dei provvedimenti amministrativi

In tema di inosservanza di provvedimento dell’autorità, la disposizione di cui all’art. 650 c.p. è norma di natura sussidiaria, che si applica solo quando la violazione del provvedimento amministrativo non sia altrimenti sanzionata.

Cassazione penale sez. III, 15/02/2019, n.25322

Il provvedimento adottato tardivamente

Il termine previsto dall’art. 2 della l. n. 241/1990 per l’adozione di provvedimenti amministrativi ha natura ordinatoria e non perentoria e la sua inosservanza da parte della P.A. non esaurisce il potere di provvedere, né determina di per sé l’illegittimità dell’atto adottato fuori termine.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. I, 04/01/2019, n.64

L’adozione di provvedimenti amministrativi

Il termine previsto dall’art. 2 l. n. 241/1990 per l’adozione di provvedimenti amministrativi ha natura ordinatoria e non perentoria: pertanto, l’inosservanza da parte dell’amministrazione non esaurisce il potere di provvedere né determina di per sé l’illegittimità dell’atto adottato fuori termine.

T.A.R. Palermo, (Sicilia) sez. II, 18/11/2014, n.2895

Provvedimenti amministrativi: il termine per l’adozione

Il termine previsto dall’art. 2, l. n. 241 del 1990 per l’adozione dei provvedimenti amministrativi ha natura ordinatoria e non perentoria e pertanto la sua inosservanza da parte dell’amministrazione non esaurisce il potere di provvedere né determina di per sé l’illegittimità dell’atto adottato fuori termine.

Consiglio di Stato sez. IV, 12/06/2012, n.2264

Adozione provvedimenti amministrativi: la natura ordinatoria e non perentoria del termine

Il termine previsto dall’art. 2 l. n. 241 del 1990 per l’adozione dei provvedimenti amministrativi ha natura ordinatoria e non perentoria, e pertanto la sua inosservanza da parte dell’amministrazione non esaurisce il potere di provvedere né determina di per sé l’illegittimità dell’atto adottato fuori termine.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. IV, 19/01/2012, n.238

Le sanzioni amministrative

L’abrogazione dell’art. 106 t.u. com. prov. 1934 preclude la prospettazione della competenza dell’ente locale relativamente alla irrogazione di sanzioni, posto che l’art. 1 l. 24 novembre 1981 n. 689, dispone nel senso della comminazione di sanzioni amministrative solo in base a fonte primaria. Pertanto in assenza di altra fonte legislativa l’art. 1 è di ostacolo all’introduzione di fattispecie di illecito amministrativo mediante fonte regolamentare. L’inosservanza di provvedimenti amministrativi può importare la responsabilità penale, giusto l’art. 650 c.p.

Consiglio di Stato sez. I, 17/10/2001, n.885

Canone di concessione di un bene demaniale

Allorché l’amministrazione nel determinare il canone di concessione di un bene demaniale ai sensi del combinato disposto degli art. 32 l. n. 724 del 1994 e 5, comma 6, d.l. n. 415 del 1995, faccia riferimento al prezzo di mercato anziché al previsto coefficiente di rivalutazione, è tenuta a motivare e ad esplicitare gli accertamenti effettuati dal competente organo tecnico, dovendosi altrimenti considerare il provvedimento di concessione illegittimo per inosservanza dell’art. 3 l. n. 241 del 1990 (obbligo di motivazione dei provvedimenti amministrativi).

Corte Conti sez. contr., 17/07/1997, n.110

Provvedimenti amministrativi: l’obbligo di motivazione

La pubblica amministrazione, nel disporre l’espulsione di cittadini stranieri, non può limitarsi ad affermare genericamente che essi hanno violato la normativa di cui alla l. n. 39 del 1990, ma deve indicare i presupposti di fatto e le ragioni di diritto che inducono all’adozione di simile provvedimento. Infatti, se l’obbligo della motivazione è principio generale per i provvedimenti amministrativi, (art. 3 l. n. 241 del 1990), tanto più ciò deve valere per gli atti che sacrificano gravemente situazioni giuridiche e soprattutto per quelli la cui inosservanza determina anche sanzioni penali, come si verifica per le espulsioni pronunciate ex art. 7 l. n. 39 del 1990.

T.A.R., (Liguria) sez. II, 14/03/1995, n.192



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube