Diritto e Fisco | Articoli

Il coniuge che vende un bene mobile è condannato a ripristinare la comunione

27 Gennaio 2014
Il coniuge che vende un bene mobile è condannato a ripristinare la comunione

Gli atti di straordinaria amministrazione posti in essere da uno dei due coniugi senza il consenso dell’altro restano validi, ma chi ha agito deve ripristinare la comunione.

Se uno dei coniugi compie atti di straordinaria amministrazione – per esempio la vendita – su beni mobili senza il consenso dell’altro [1] (per esempio, la cessione di azioni o di un’automobile o, ancora, del mobilio di casa), l’atto è comunque valido e il nuovo acquirente può conservare il bene acquistato; ma il coniuge che ha agito autonomamente può essere condannato a ripristinare lo stato della comunione per come era prima del compimento dell’atto contestato (per esempio, ricomprando un bene dello stesso valore).

Lo ha affermato, di recente, la Cassazione [2].

La vicenda

La vicenda riguarda il caso di un coniuge in comunione dei beni che aveva prelevato arbitrariamente titoli azionari appartenenti alla comunione legale dei coniugi senza interpellare l’altro.

La motivazione della sentenza

Secondo la Suprema Corte, non è consentito al coniuge alienare a terzi beni comuni per soddisfarsi sul ricavato (ossia senza rimettere il ricavato nella comunione stessa). La comunione dei coniugi, infatti, è detta “vincolata” perché il singolo coniuge non può acquistare un cespite per sé in via esclusiva, salvo alcune modalità dettate dalla legge [3], né può vendere da solo dei beni della comunione.

A differenza degli atti di straordinaria amministrazione (il cui compimento spetta ad entrambi i coniugi, di comune accordo), l’ordinaria amministrazione dei beni in comunione può essere esercitata anche disgiuntamente dai due sposi [4]: ossia ciascuno può agire anche senza bisogno di consultare prima l’altro.


note

[1] Art. 184, comma 3, cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 25625 del 14.09.2013.

[3] Artt. 179 e 210 cod. civ.

[4] Art. 180, comma 1, cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube