Se l’ex vive con figli, la casa è al sicuro

12 Ottobre 2020 | Autore:
Se l’ex vive con figli, la casa è al sicuro

Il provvedimento di assegnazione dell’immobile è opponibile ad un’eventuale richiesta di terzi se c’è da tutelare l’interesse della prole.

Nessuno può pretendere di entrare in possesso di un immobile in cui abita un genitore separato o divorziato con i figli. La normativa, infatti, prevede, per quanto riguarda il godimento della casa familiare, la priorità all’interesse dei figli e stabilisce, inoltre, che il provvedimento di assegnazione sia trascrivibile e opponibile a terzi. Significa che non è possibile acquistarla o pretenderla in alcun modo, anche quando di mezzo c’è un’eventuale ipoteca.

Infatti, come si legge in una recente sentenza del tribunale di Trani [1], il provvedimento di assegnazione della casa familiare trascritto prima dell’iscrizione di ipoteca è opponibile all’acquirente in base al Codice civile, purché si debba tutelare l’interesse dei figli. Nel momento in cui i ragazzi diventano maggiorenni ed autosufficienti da un punto di vista economico, il terzo può presentare richiesta di entrare in possesso dell’immobile per la sopravvenuta inefficacia dell’assegnazione [3].


note

[1] Trib. Trani sent. n. 854/2020.

[2] Art. 337-sexie cod. civ.

[3] Cass. sent. n. 1744/2018.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube