L’esperto | Articoli

Cambio domicilio: ultime sentenze

23 Novembre 2020
Cambio domicilio: ultime sentenze

Decreto penale di condanna; impossibilità di notificazione all’imputato; violazione del diritto di difesa; cambiamento del domicilio inizialmente dichiarato.

Cambiamento del domicilio

In tema di reati fallimentari, l’allontanamento del fallito dal luogo di residenza, in assenza dell’autorizzazione del giudice delegato, non è più assoggettata a sanzione penale, considerato che il testo previgente dell’art. 49 legge fall. è stato sostituito ad opera dell’art. 46 del D.Lgs. n. 5 del 2006, il quale – prevedendo che gli imprenditori di cui sia dichiarato il fallimento nonché i legali rappresentanti di società o enti soggetti alla procedura fallimentare “sono tenuti a comunicare al curatore ogni cambiamento della propria residenza o del proprio domicilio” – ha determinato la “abolitio criminis” della condotta integrata dalla mera formale violazione dell’obbligo di munirsi dell’autorizzazione del giudice delegato in vista di un cambiamento di domicilio, sostituendo, peraltro, tale obbligo con la previsione di un onere di comunicazione delle variazioni del domicilio o della residenza al curatore.

Cassazione penale sez. V, 21/02/2007, n.13812

Istanza di cambio di domicilio

Il dolo specifico del delitto di invasione di terreni o edifici si compone, oltre che della consapevolezza dell’illegittimità dell’invasione dell’altrui bene, della finalità di occupazione o di trarne altrimenti profitto.

(Nella specie, l’imputata aveva inoltrato istanza di cambio di domicilio indicando all’ufficio dell’anagrafe, quale luogo di residenza, l’immobile abusivamente occupato).

Tribunale Napoli sez. I, 04/02/2015, n.1960

La notificazione presso il nuovo domicilio

In tema di notificazioni, nel caso di cambiamento di domicilio da parte dell’imputato non comunicato ai sensi del comma 4 dell’art. 171 c.p.p., la notificazione divenuta impossibile presso il domicilio originariamente dichiarato va eseguita presso il nuovo domicilio e non mediante il deposito nella cancelleria solo se si abbia del nuovo domicilio precisa notizia e cioè, oltre al Comune in cui si trova, se ne conosca la via ed il numero, perché, considerato il disposto dell’art. 171 c.p.p., è da escludere che l’autorità sia tenuta a svolgere ulteriori ricerche.

Cassazione penale sez. VI, 18/11/1989

Cambiamento di domicilio inizialmente dichiarato

La domanda di affidamento in prova ai servizi sociali è valida anche se il condannato non comunica il cambiamento di domicilio inizialmente dichiarato.

Cassazione penale sez. I, 11/05/2005, n.34345

Omessa notifica al nuovo domicilio preannunciato

La mancata notificazione al condannato del decreto penale di condanna, prevista dall’art. 460 comma 3 c.p.p., in seguito ad un cambiamento di domicilio solo “preannunciato” ma non effettivamente revocato, non comporta un mancato esercizio del diritto di difesa, in quanto il procedimento per decreto consiste in un rito cui l’accusa può discrezionalmente accedere, non contraddistinto dal contraddittorio, a differenza di quanto accade nel rito ordinario.

Cassazione penale sez. IV, 25/09/2008, n.47373

Che valore ha la dichiarazione di domicilio?

A differenza della elezione di domicilio, che ha l’effetto di costituire il luogo prescelto dall’imputato come proprio recapito ai fini delle notificazioni con la designazione di una persona legittimata alla ricezione, la dichiarazione di domicilio ha valore di semplice comunicazione di una situazione reale implicante l’effettiva esistenza di un rapporto tra l’imputato e il sito indicato per ragioni di abitazione o di lavoro: essa pertanto diviene inefficace, con l’effetto di rendere impossibile la notificazione a norma dell’art. 169 c.p.p., qualora dalla relazione dell’ufficiale giudiziario risulti che il suddetto rapporto sia venuto a cessare per essersi il destinatario trasferito altrove senza dare notizia del suo nuovo recapito. In tale caso la legge, per soddisfare esigenze connesse al celere funzionamento della giustizia e per ovviare a possibili inconvenienti che potrebbero intralciare il regolare corso del processo, ricollega all’inosservanza da parte dell’imputato dell’onere di comunicare alla autorità procedente il cambiamento di domicilio in precedenza dichiarato l’automatica conseguenza di consentire l’immediata esecuzione della notifica mediante deposito dell’atto in cancelleria, senza necessità di esperire la procedura prevista dall’art. 170 c.p.p.

Tuttavia, quando si abbia aliunde precisa notizia del luogo in cui l’imputato abbia trasferito l’abitazione o la sua attività, in tal luogo deve essere disposta la notifica sì da consentire al destinatario di avere conoscenza reale dell’atto a lui diretto.

Cassazione penale sez. VI, 23/07/1986

Cambio di domicilio e decreto di irreperibilità

In mancanza della dichiarazione formale, personale ed intenzionale di domicilio, di carattere negoziale, di cui all’art. 171 c.p.p., le informazioni pervenute comunque all’autorità che procede (inadeguate come tali a rendere l’autorità sicuramente ed efficacemente edotta del loro contenuto e del loro scopo) non fanno venir meno l’efficacia del decreto di irreperibilità per tutto il grado di giudizio (e fino alla pronuncia della sentenza, anche in grado di appello).

Infatti, le modalità di cui la legge circonda sia la dichiarazione che il cambiamento di domicilio, dopo la prima notificazione cui si riferisce l’art. 169, costituiscono un criterio generale, avente una sua ragione di principio che non consente di ritenere la cessazione di efficacia del decreto di irreperibilità a seguito di semplici informazioni.

Cassazione penale sez. III, 11/02/1980

Mancata notifica della citazione e cambio di domicilio

In materia di notificazione, la mancata notifica del decreto di citazione in appello all’imputato non detenuto, per intervenuto cambio del domicilio di quest’ultimo, con contestuale notifica al difensore d’ufficio, non invalida la citazione stessa.

Cassazione penale sez. VI, 27/04/2018, n.21541

Cambio del domicilio non dichiarato nelle forme di legge

È legittima la notifica mediante consegna dell’atto al difensore (nella specie, dell’estratto contumaciale della sentenza di primo grado), eseguita ai sensi dell’art. 161, comma quarto, cod. proc. pen., in ragione dell’impossibilità di effettuarla presso il domicilio dichiarato, pur se dagli atti risulti la nuova residenza indicata dallo stesso imputato, nel caso in cui il mutamento o la revoca della precedente dichiarazione domiciliare non sia avvenuta nelle forme di legge.

Cassazione penale sez. V, 01/06/2016, n.31641

L’onere di comunicare all’autorità il cambiamento di domicilio

A differenza della elezione di domicilio, che ha l’effetto di costituire il luogo prescelto dall’imputato come proprio recapito ai fini delle notificazioni con la designazione di una persona legittimata alla ricezione, la dichiarazione di domicilio ha valore di semplice comunicazione di una situazione reale implicante l’effettiva esistenza di un rapporto tra l’imputato e il luogo indicato per ragioni di abitazione o di lavoro.

Essa pertanto diviene inefficace, con l’effetto di rendere impossibile la notificazione a norma dell’art. 169 c.p.p., qualora dalla relazione dell’ufficiale giudiziario risulti che il suddetto rapporto sia venuto a cessare per essersi il destinatario trasferito altrove senza dare notizia del suo nuovo recapito. In tal caso la legge, per soddisfare esigenze connesse al celere funzionamento della giustizia e per ovviare a possibili inconvenienti che potrebbero intralciare il regolare corso del processo, ricollega all’inosservanza da parte dell’imputato dell’onere di comunicare all’autorità procedente il cambiamento di domicilio in precedenza dichiarato, l’automatica conseguenza di consentire l’immediata esecuzione della notifica mediante deposito dell’atto in cancelleria, senza necessità di esperire la procedura prevista dall’art. 170 c.p.p..

Cassazione penale sez. IV, 04/10/1989



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube