Covid: come evitare il contagio in casa

14 Ottobre 2020
Covid: come evitare il contagio in casa

Neanche in famiglia si può stare tranquilli. Pare che il Coronavirus colpisca soprattutto tra le mura domestiche, dove ci si infetta con molta più facilità.

Francesco Broccolo, virologo dell’Università Bicocca di Milano mette in guardia: «il 75% delle infezioni si contrae tra pranzi e feste private». E allora che si fa? Se è vero che la maggior parte delle volte ci si contagia in famiglia, si deve girare con la mascherina perfino in casa? Arrivare a questo non è necessario, ma c’è tutta una serie di altre precauzioni che si possono (e si devono) prendere, per proteggere noi stessi e i nostri cari.

Le tre regole d’oro della prevenzione, ormai, le conosciamo tutti: distanziamento sociale, lavaggio delle mani, mascherine (dall’ultimo dpcm, da indossare anche all’aperto e portare sempre con sé). Sono da applicare alla lettera quando usciamo per evitare di portare il Covid a casa e sono i primi accorgimenti che dobbiamo avere nel quotidiano. Un’altra raccomandazione è quella di evitare i luoghi particolarmente affollati, dove il contagio è più probabile. Altra avvertenza: non toccare occhi, naso e bocca con le mani, che potrebbero essere infette.

Via le scarpe

Sempre al fine di non rischiare di portare il virus dall’esterno, sarebbe buona norma togliere le scarpe prima di entrare in casa. Questo protegge non solo dal Coronavirus, ma anche dall’esposizione ad altri microrganismi. Non è invece necessario svestirsi e buttare tutto in lavatrice, lo diventa solo nel caso in cui si provenga da luoghi a rischio, come ospedali e altre strutture sanitarie. Niente cappotti su letti e divani: meglio nell’appendiabiti. Al ritorno, è bene igienizzare/lavare le mani per un tempo non inferiore ai 40 secondi.

Prudenza anche con gli amici

Anche le cene con gli amici possono rappresentare un rischio: come in ogni situazione di relax, si tende a lasciarsi un po’ andare. A casa, come altrove, le precauzioni antiCovid non vanno mai dimenticate.

L’ultimo dpcm vieta di portare più di 6 persone nel proprio appartamento. Bisogna dunque moderare gli inviti e sforzarsi di stare a distanza per proteggere e proteggersi. Ci si deve, inoltre, ricordare di arieggiare il locale dopo l’arrivo degli ospiti, tenere la mascherina prima e dopo il pranzo/la cena e mettere loro a disposizione degli asciugamani a parte, qualora avessero bisogno del bagno.

Pulizia e disinfezione

A proposito di bagni, il consiglio è quello di eseguire sia la pulizia (lavare con acqua e sapone le superfici) sia la disinfezione (uccidere gli agenti patogeni in un minuto con un prodotto disinfettante che può essere alcol etilico o acqua ossigenata). Se abitate da soli e ricevete raramente persone in casa, potete essere un po’ più laschi; in caso contrario, se fate parte di una famiglia numerosa o avete spesso ospiti, è consigliato eseguire entrambe le operazioni quotidianamente.

Attenti ai nonni

Il Covid costringe a uno zelo che spezza il cuore, ma tant’è. Per chi ha ancora la fortuna di avere i propri nonni in vita, l’imperativo è ricordare che sono i più fragili e, quindi, i più a rischio. Chi ha molti contatti con altre persone dovrebbe limitare le visite o comunque, quando va a trovarli, mantenersi a distanza – questo significa niente abbracci e baci – e mettere la mascherina.

Positivi in casa

Ciononostante, ormai si sa, ci si può contagiare lo stesso. Il che non rappresenta un grosso problema – solitudine a parte – per chi non condivide l’appartamento con altre persone ed è asintomatico. Chi, invece, abita con la propria famiglia ed è positivo al Coronavirus deve restare isolato in una stanza della casa e, possibilmente, usare un bagno a parte, oppure avere cura di pulire e disinfettare le superfici dopo averle usate (con alcol al 70% o cloro). Chi si prende cura di un positivo in casa deve indossare la mascherina. I rifiuti vanno smaltiti in un sacchetto apposito. Per lavare i piatti, acqua e sapone vanno benissimo.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube