Praticanti avvocati: esami ancora in bilico

15 Ottobre 2020 | Autore:
Praticanti avvocati: esami ancora in bilico

In attesa del decreto ministeriale, le associazioni di categoria lamentano la mancanza di indicazioni e chiedono per il 2020 la prova orale abilitante.

A due mesi dagli esami che i praticanti avvocati dovranno sostenere tra il 15 e il 17 dicembre per l’abilitazione all’esercizio della professione, ancora non è stata definita la modalità con cui i 25mila candidati dovranno svolgere la prova. A causa dell’emergenza Covid, infatti, devono essere varate delle nuove regole che, però, sono rimandate ad un decreto ministeriale atteso per il 27 novembre sulla Gazzetta Ufficiale. Per questo motivo, l’Unione praticanti avvocati (Upa) e l’Associazione italiana praticanti avvocati (Aipavv) hanno chiesto che per il 2020 si possa svolgere l’esame orale abilitante, per poi attuare una riforma dell’accesso alla professione.

Il nuovo decreto dovrà predisporre «eventuali misure disciplinanti l’accesso e la permanenza alle sedi concorsuali, al fine di garantire il rispetto delle vigenti disposizioni volte a prevenire il contagio da Covid-19». Ma i tempi non convincono i rappresentanti dei giovani praticanti: «Sorprende il fatto – spiega la presidente dell’Upa Claudia Majolo – che ancora oggi non ci sia la minima chiarezza. Gli oltre 25mila praticanti che si apprestano a sostenere l’esame, prima ancora di inviare la domanda di partecipazione con i relativi pagamenti, meritano di essere rassicurati dal Governo in ordine alle modalità di svolgimento delle prove».

L’associazione ha inviato una lettera al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in cui vengono chiesti una serie di chiarimenti per sapere prima di pagare l’iscrizione se gli esami di Stato si terranno o meno e, eventualmente, sul modo in cui si svolgeranno.

Dal canto suo, l’Aipavv ha presentato in Parlamento una proposta di riforma dell’accesso alla professione: un esame con domande a risposte multiple, due sessioni l’anno e un tirocinio continuativo di 18 mesi. Mentre per il 2020, si chiede che, come per altre categorie di liberi professionisti, si tenga una prova orale abilitante.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube