Diritto e Fisco | Articoli

Accertamento fiscale ridotto se i redditi derivano dai parenti conviventi

8 dicembre 2013


Accertamento fiscale ridotto se i redditi derivano dai parenti conviventi

> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 dicembre 2013



Se l’Agenzia delle Entrate rileva un acquisto di beni sproporzionato rispetto al tenore di vita denunciato nella dichiarazione dei redditi deve comunque tener conto di tutte le disponibilità economiche dei familiari; il giudice può ridurre l’accertamento effettuato col redditometro.

In caso di accertamento fiscale con il redditometro, da cui risulti un tenore di vita superiore alle proprie possibilità, il contribuente può difendersi dimostrando che i maggiori redditi gli derivano dai sostegni erogatigli dai familiari conviventi (per esempio: una pensione della madre).

Una piaga sociale

È ormai una (triste) realtà dei nostri giorni il fatto che una intera generazione di persone, ormai prossime alla mezza età, continui a vivere solo grazie alle pensioni e ai risparmi degli anziani genitori. La crisi ha portato un dimezzamento delle entrate e i nuclei familiari stanno attingendo dal classico “salvadanaio”: risorse immobilizzate o depositate nei conti correnti dalle generazioni precedenti.

Qualcuno, in verità, spende anche più di quanto dovrebbe e, allora, scatta la lucina rossa all’Agenzia delle Entrate. Il redditometro nota l’incongruenza tra tenore di vita effettivo e reddito dichiarato con la denuncia annuale. Così l’accertamento fiscale è dietro l’angolo.

La sentenza a favore del cittadino

Consapevole della realtà dei fatti, il Commissione Tributaria provinciale di Reggio Emilia, con una recente sentenza [1], ha ritenuto possibile annullare (o ridurre) l’accertamento fiscale nelle situazioni in cui il contribuente riesca a dimostrare che l’acquisto, da parte sua, di auto e beni di consumo è avvenuto con le disponibilità economiche dei familiari conviventi.

Insomma, la prova che ai bisogni del figlio provvedano, da sempre, i genitori con la loro pensione può essere considerata una valida ragione per giustificare il discostamento dagli studi di settore. Nel caso di accertamento con metodo sintetico – hanno detto i giudici – vanno considerati, in favore del contribuente, i redditi ulteriori (nella fattispecie la pensione di un familiare convivente) che siano nella propria disponibilità.

note

[1] Ctp di Reggio Emilia sent. n. 203 del 15.11.2013.

Autore foto: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI