Coronavirus: donne meno inclini a correre rischi, studio in 8 Paesi

16 Ottobre 2020
Coronavirus: donne meno inclini a correre rischi, studio in 8 Paesi

Roma, 16 ott. (Adnkronos Salute) – Più prudenti e attente, e più ligie alle regole contro Sars-CoV-2. E’ il quadro che emerge da un’indagine condotta in 8 paesi Ocse, Italia inclusa: le donne considerano il coronavirus un problema più grave, sono più inclini ad approvare le politiche sanitarie e le infrangono di meno rispetto agli uomini. E proprio la maggiore adesione delle donne alle misure anti-Covid può essere una delle ragioni della minore vulnerabilità e mortalità registrate rispetto agli uomini, nella fase iniziale dell’epidemia. Due degli autori della ricerca, apparsa su ‘Pnas’ (Proceedings of the National Academy of Sciences), sono studiosi della Bocconi, Vincenzo Galasso e Paola Profeta, affiliati al Covid Crisis Lab.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube