Covid, allarme interventi protesi anca rimandati: “Pazienti peggiorati”

17 Ottobre 2020
Covid, allarme interventi protesi anca rimandati: “Pazienti peggiorati”

Roma, 17 ott. (Adnkronos Salute) – Con l’aumento dei contagi e lo spettro di un nuovo lockdown, torna l’allarme per lo stop agli interventi non urgenti per dare spazio all’assistenza ai malati Covid in ospedale. Un problema già vissuto ad aprile-maggio, che potrebbe ripresentarsi e che allarma i chirurghi. “La situazione creata dalla pandemia ha causato una contrazione degli interventi di protesi, perché si è dato più spazio alle operazioni salvavita. Questo, ad esempio, ha avuto delle conseguenze sui pazienti bisognosi di una protesi d’anca: si sono allungate le liste d’attesa e poi sono peggiorate le condizioni dei pazienti”. A fare il punto con l’Adnkronos Salute è Alessandro Calistri, ortopedico e traumatologo specializzato in chirurgia dell’anca e ricercatore del dipartimento di Scienze anatomiche istologiche medico legali e dell’apparato locomotore dell’Università Sapienza di Roma.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube