Diritto e Fisco | Articoli

Che fare se si riceve un atto di precetto per il pagamento di una somma


> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 dicembre 2013



Con l’atto di precetto il creditore preannuncia, in caso di mancato pagamento, l’esercizio di un’azione esecutiva; il debitore ha dieci giorni di tempo per trovare una soluzione. 

L’atto di precetto costituisce una sorta di preavviso (che manda il creditore al debitore): con esso gli preannuncia che, non prima di dieci giorni, potrebbe iniziare nei suoi confronti una azione esecutiva [1]. L’esecuzione forzata consiste nell’espropriazione, da parte del creditore, dei beni del debitore, tramite il pignoramento dei mobili (pignoramento mobiliare) o immobili (pignoramento immobiliare) o dei crediti quali la pensione, lo stipendio, il conto corrente (pignoramento presso terzi).

Il destinatario del precetto ha dieci giorni di tempo – entro i quali il creditore non può far nulla – per decidere la propria strategia:

a) pagare o contattare il creditore per trovare un accordo;

b) proporre opposizione al precetto;

c) non far nulla e attendere le future mosse del creditore.

Tranquilli: materialmente sarà impossibile ricevere un pignoramento dopo dieci giorni dal precetto, perché prima che ciò avvenga ci sono attività concrete da compiere, quale il passaggio degli atti all’Ufficiale giudiziario, che necessariamente allungheranno i tempi.

In ogni caso sarà meglio darsi da fare per individuare la soluzione più opportuna.

a) Pagare o contattare il creditore per trovare un accordo.

È la scelta migliore per il debitore che sia consapevole del proprio debito, e che, avendo beni aggredibili, tra cui anche un conto corrente, una pensione o uno stipendio, voglia evitare di subire un pignoramento.

Il pignoramento, infatti, comporterà per il debitore, oltre all’espropriazione dei propri beni o dei propri crediti verso terzi, anche ulteriori spese processuali che graveranno sempre su di lui.

Per raggiungere un accordo transattivo si può proporre al creditore il pagamento rateale della somma precettata, oppure il pagamento immediato di una somma minore. L’eventuale accordo avrebbe il vantaggio per il debitore di pagare meno o più comodamente, evitando il rischio e le maggiori spese di un’azione esecutiva, e per il creditore di soddisfare il proprio credito, seppur parzialmente, senza dover compiere ulteriori azioni costose e di non rapida soluzione, soprattutto in caso di pignoramenti sui beni mobili o immobili.

b) Proporre opposizione al precetto.

Quando invece colui che riceve la notifica del precetto intenda contestare il diritto del creditore ad agire in via esecutiva [2], perché per esempio ha già pagato oppure perché è intervenuta la prescrizione, oppure contesti la regolarità formale del precetto o del titolo esecutivo [3], può proporre opposizione al precetto dinanzi al giudice competente [4].

In tal caso si può chiedere al giudice anche la sospensione dell’efficacia del precetto, così da bloccare la potenziale azione esecutiva del creditore.

Per l’opposizione attenzione ai termini: nel caso di contestazione della regolarità formale del precetto, essa va proposta entro venti giorni dalla ricezione del precetto.

c) Non far nulla e attendere le future mosse del creditore.

Rappresenta la scelta di chi non ha nulla da perdere oppure non ha beni di proprietà o crediti verso terzi, per cui il creditore, pur volendo, non potrebbe agire nei suoi confronti, in quanto non avrebbe beni o crediti su cui soddisfarsi.

Al debitore che si trovi in questa condizione farà piacere sapere che la validità del precetto è limitata nel tempo e dura solo novanta giorni, per cui se il creditore non dovesse proporre il pignoramento entro detto termine, il precetto diverrà inefficace.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

9 Commenti

  1. Buon pm. L’opposizione al precetto deve essere eseguito da un legale o può l’interessato rivolgersi al Giudice (Corte d’Appello)?? Grazie

  2. vorrei sapere se nel pignoramento sono incluse anche atrezzature di lavoro !della ditta individuale di qui risulti il debitore

  3. buon pomeriggio ma le spese per l’atto di precetto devono essere pagate per forza dal debitore??

  4. Salve volevo sapere se sul precetto và apposta la formula esecutiva e come avviene nel senso è il cancelliere che appone tale formula? c’è un timbro che và apposto? E’ riportato anche sulla relata di Notifica? E poi la consegna in mani proprie di atti giudiziari obbliga l’ufficiale giudiziario a richiedere la firma al destinatario? grazie

  5. Salve, vendere l’auto (valore € 5000) prima della scadenza dei 10gg. del precetto, può innescare, successivamente al tentativo di pignoramento, una richiesta di revocatoria da parte del creditore sul veicolo venduto?
    Grazie

  6. buongiorno volevo sapere cosa mi sucede perche mi e arivato un atto di precetto perche non ho pagato delle rate di un mutuo nonricevendo mai un aviso dalla banca cosa devofare grazie

  7. Se io non ho beni in quanto vivo in affitto coi miei genitori e non abbiamo mobili o cose di valore, ho un conto corrente vuoto e uno stipendio partime con già una cessione del quinto cosa mi consigliate di fare? Devo lasciare le cose così come sono o devo cmq oppormi al decreto ingiuntivo e successivamente al precetto? Grazie

  8. Scusate per la domanda, in questa newsletter ce scritto che:
    Il destinatario del precetto ha dieci giorni di tempo – entro i quali il creditore non può far nulla!!!!!

    Dopodichè sotto riportato ce scritto:
    Al debitore che si trovi in questa condizione farà piacere sapere che la validità del precetto è limitata nel tempo e dura solo novanta giorni, per cui se il creditore non dovesse proporre il pignoramento entro detto termine, il precetto diverrà inefficace.
    Sinceramente non riesco a capire!!!!!
    Spero cortesemente che qualcuno mi sappia dare delucidazioni in merito.
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI