Cronaca | News

Nuovo Dpcm: le regole per parchi e giochi per bambini

19 Ottobre 2020 | Autore:
Nuovo Dpcm: le regole per parchi e giochi per bambini

L’allegato al decreto con le norme per poter accedere ai giardini pubblici o per le attività di educazione all’aperto organizzate.

Il nuovo Dpcm con le misure anti-Covid presentato da Giuseppe Conte contiene un allegato in cui vengono stabilite delle regole per l’accesso ai parchi e alle aree di gioco per bambini e adolescenti, oltre che ai giardini pubblici.

Si parte dal presupposto che occorre tutelare sia la salute dei cittadini sia «il diritto alla socialità, al gioco e in generale all’educazione dei bambini e degli adolescenti».

A tal fine, il Governo ha deciso di regolamentare in questo modo l’utilizzo di parchi, giardini pubblici ed aree gioco, sia a livello privato sia per lo svolgimento di attività educative all’aperto, ad esempio con la scuola, di un solo giorno o per più giorni.

Regole per l’accesso

L’accesso a parchi, giardini pubblici ed aree gioco è consentito:

  • a bambini e adolescenti di età da 0 a 17 anni, accompagnati obbligatoriamente da un genitore o da un altro adulto responsabile se necessario;
  • con l’obbligo di non produrre assembramenti e di garantire il distanziamento fisico compatibile con le attività di assistenza e l’uso della mascherina come previsto dalla normativa.

Obblighi del gestore

Il gestore del parco, del giardino o dell’area gioco è tenuto a:

  • disporre la manutenzione ordinaria dello spazio, eseguendo controlli periodici dello stato delle attrezzature presenti, con pulizia periodica approfondita delle superfici più toccate, con detergente neutro;
  • posizionare cartelli informativi all’ingresso delle aree verdi e delle aree gioco rispetto ai comportamenti corretti da tenere, in linea con le raccomandazioni del ministero della Salute e delle autorità competenti.

Obblighi dell’accompagnatore

L’allegato al Dpcm impone delle norme anche agli accompagnatori, che devono:

  • attuare modalità di accompagnamento diretto dei bambini minori di 14 anni, con particolare riguardo a quelli nei primi 3 anni di vita e ai soggetti con patologie di neuropsichiatria infantile (NPI), fragilità, cronicità;
  • in caso di bambini da 0 a 3 anni, utilizzare una carrozzina, un passeggino o similari, oppure, se il bambino è in grado di deambulare autonomamente, garantire il controllo diretto da parte dell’adulto accompagnatore;
  • in caso di bambini o adolescenti con patologie NPI, fragilità, cronicità e comunque non autonomi garantire la presenza di un adulto accompagnatore;
  • le prescrizioni sul distanziamento fisico e sull’utilizzo delle mascherine, e vigilare sui bambini che si accompagnano. Nel caso di bambini con più di 6 anni, l’accompagnatore deve vigilare affinché questi rispettino le disposizioni di distanziamento fisico e sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.

È preferibile che gli accompagnatori dei bambini e degli adolescenti abbiano un’età inferiore a 60 anni, a tutela della loro salute.

Regole sulle attività ludiche e di educazione all’aperto

Le attività devono essere circoscritte a sottofasce di età in modo da determinare condizioni di omogeneità fra i diversi bambini e adolescenti accolti. A tale scopo, è consigliato che vengano distinte fasce relative:

  • al nido e alla scuola dell’infanzia (da 0 a 6 anni);
  • alla scuola primaria (da 6 a 11 anni);
  • e alla scuola secondaria (da 11 a 17 anni).

In caso di accesso su prenotazione per lo svolgimento delle attività all’interno delle aree verdi, è compito del gestore definire i tempi e le modalità per l’iscrizione, dandone comunicazione al pubblico e con congruo anticipo rispetto all’inizio delle attività proposte.

È consigliato predisporre spazi dedicati a ospitare bambini, adolescenti e personale che manifestino sintomatologia sospetta, attivando le procedure previste. Rimane comunque ferma la responsabilità di ciascuno di non lasciare la propria abitazione in presenza di sintomi suggestivi di infezione da SARS-COV-2.

Regole sull’igiene

L’allegato al Dpcm prevede queste misure di prevenzione da applicare sempre:

  • igienizzarsi frequentemente le mani, in modo non frettoloso, utilizzando acqua e sapone o soluzioni o gel a base alcolica in tutti i momenti raccomandati;
  • non tossire o starnutire senza protezione;
  • mantenere quanto più possibile il distanziamento fisico di almeno un metro dalle altre persone, seppur con i limiti di applicabilità per le caratteristiche evolutive degli utenti e le metodologie educative di un contesto estremamente dinamico;
  • non toccarsi il viso con le mani;
  • pulire frequentemente le superfici con le quali si viene a contatto.

Regole per la prima accoglienza

In occasione della prima accoglienza per lo svolgimento delle attività educative all’aperto, chi esercita la responsabilità genitoriale deve autocertificare che il bambino o adolescente:

  • non ha avuto una temperatura corporea superiore ai 37,5°C o alcuna sintomatologia respiratoria, anche nei 3 giorni precedenti;
  • non è stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;
  • non è stato a contatto con una persona positiva Covid-19 o con una persona con temperatura corporea superiore ai 37,5°C o con sintomatologia respiratoria, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

Anche gli operatori, educatori o animatori, o eventuali accompagnatori, devono produrre un’autocertificazione per l’ingresso nell’area dedicata alle attività.

All’ingresso nell’area dedicata alle attività è raccomandata, ma non necessaria, la rilevazione della temperatura corporea. Nel caso di rilevazione della temperatura all’entrata, l’operatore, educatore o animatore addetto all’accoglienza deve misurare la temperatura dell’iscritto o del membro del personale, dopo aver igienizzato le mani, con rilevatore di temperatura corporea o termometro senza contatto.

Il termometro o rilevatore deve essere pulito con una salvietta igienizzante o cotone imbevuto di alcool prima del primo utilizzo, in caso di contatto, alla fine dell’accoglienza e in caso di possibile contaminazione, ad esempio se il bambino inavvertitamente entra in contatto con lo strumento o si mette a tossire durante la misurazione.

Regole per l’accoglienza giornaliera

Per l’accoglienza nei giorni successivi al primo, il bambino o l’adolescente non deve:

  • aver avuto, nel periodo di assenza dalle attività, una temperatura corporea superiore ai 37,5°C o alcuna sintomatologia respiratoria;
  • essere stato a contatto, nel periodo di assenza dalle attività, con una persona positiva al Covid-19 o con una persona con temperatura corporea superiore ai 37,5°C o con sintomatologia respiratoria, per quanto di propria conoscenza.

Nel caso in cui una persona non partecipi alle attività per più di 3 giorni, è opportuno eseguire di nuovo il protocollo per la prima accoglienza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube