Covid: verso l’obbligo per tutti dell’app Immuni

19 Ottobre 2020
Covid: verso l’obbligo per tutti dell’app Immuni

Tra le intenzioni del Governo ci sarebbe anche quella di imporre il download del programma ai cittadini. 

Non si è parlato dell’app Immuni, all’ultima conferenza stampa in diretta nazionale di Giuseppe Conte, convocata domenica sera per illustrare le ultime restrizioni per arginare la pandemia di Coronavirus. Il Dpcm fresco di presentazione, però, ne parla eccome, in due punti diversi del provvedimento.

In primis, il testo prevede che l’uso dell’applicazione diventi obbligatorio per le Aziende sanitarie locali. È messo nero su bianco nel decreto, che prescrive all’operatore sanitario di caricare il codice chiave in presenza di un caso di positività. Il che può essere fatto soltanto attraverso l’app Immuni.

Concretamente, quando dal tampone eseguito dal personale Asl si scopre che un utente che ha l’app Immuni è positivo e accetta di darne notizia, si carica nel sistema centrale di Immuni il codice che l’applicazione genera. L’onere è dell’operatore sanitario del Dipartimento di prevenzione delle Asl, chiamate anche Usl o Ats in alcune regioni. Non è una vera e propria novità: ne parlava già una circolare del ministero della Salute risalente a maggio.

Il cambiamento vero, invece, se corrispondesse a realtà quanto riporta oggi il quotidiano La Stampa, sarebbe l’obbligo di scaricare l’app per i cittadini. Pare che l’Esecutivo sarebbe orientato su questa strada, ma c’è almeno un problema: a fronte dei circa nove milioni di italiani che sono attualmente dotati di Immuni, ancora in tanti, anche volendo, non possono scaricarla.

Per esempio, chi ha un iPhone 6 o uno smartphone Apple più vecchio del 2015 non può eseguire l’aggiornamento necessario al download dell’app: bloccati in partenza. Quindi, se fosse vera l’introduzione dell’obbligo, come si potrebbe risolvere l’impasse tecnologica? Non è chiaro. Potrebbe essere incentivato l’acquisto di cellulari di ultima generazione o messa a disposizione un’altra versione dell’app. Resterebbe comunque la difficoltà di monitorare il rispetto dell’obbligo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube