Diritto e Fisco | Articoli

Cosa bisogna fare per chiedere il divorzio?

19 Ottobre 2020
Cosa bisogna fare per chiedere il divorzio?

Procedura di separazione e divorzio consensuale e giudiziale: tutto l’iter e le pratiche da svolgere per far cessare il matrimonio. 

Chi ha intenzione di interrompere il matrimonio deve sapere che, per raggiungere questo risultato, deve passare attraverso due gradini: il primo è quello della separazione e il secondo consiste nel divorzio vero e proprio. Cosa bisogna fare per chiedere il divorzio? Innanzitutto, bisogna separarsi. Per comprendere però, passo passo, tutta la procedura da percorrere è bene fare alcune precisazioni. Di tanto parleremo qui di seguito: forniremo cioè le istruzioni pratiche per mettere fine al matrimonio. 

Ma procediamo con ordine.

Primo passo: la separazione

Non è possibile comprendere cosa bisogna fare per chiedere il divorzio se prima non si procede alla separazione.

In realtà, separazione e divorzio sono procedure sostanzialmente identiche, sebbene gli accordi eventualmente raggiunti nella prima non influenzano la seconda e possono essere oggetto di ripensamento.

Per divorziare bisogna dunque prima separarsi. 

Ci si può separare con l’accordo di entrambi i coniugi o, in assenza di accordo, con decisione rimessa al giudice del tribunale del luogo di residenza dei coniugi. 

Se marito e moglie si mettono d’accordo sulle condizioni della separazione – dall’eventuale assegno di mantenimento alla divisione dei beni, dall’affidamento dei figli all’assegnazione della casa coniugale – è possibile procedere alla separazione in tre modi diversi:

  • con un ricorso depositato in tribunale a mezzo dei rispettivi avvocati (o anche di uno solo). Il presidente del tribunale fissa un’udienza in cui convalida l’accordo e dichiara la separazione dei coniugi;
  • con la firma di un accordo stilato dai rispettivi avvocati delle due parti, senza bisogno del tribunale (è la cosiddetta negoziazione assistita);
  • con una richiesta in Comune, dinanzi al sindaco o, in sua vece, all’ufficiale di Stato civile. La procedura innanzi al Comune è possibile solo se la coppia non ha figli minori, o maggiorenni non ancora autosufficienti o portatori di handicap. Inoltre, nella procedura in questione non è possibile stipulare accordi di separazione dei beni, se non solo la previsione di un assegno di mantenimento a favore del coniuge meno benestante.

Se invece l’accordo non c’è o uno dei due coniugi si rifiuta di procedere alla separazione, l’unica via per separarsi è un ricorso in tribunale, ricorso che può essere quindi depositato anche singolarmente. 

In tal caso, viene istruita una vera e propria causa civile nel corso della quale il giudice, valutate le prove addotte dalle parti, decide tutti i termini della separazione: mantenimento, collocazione dei figli, assegnazione della casa coniugale, divisione dei beni in caso di coppia in comunione. 

Che fare se il coniuge non vuole separarsi?

Potrebbe succedere, e anzi avviene di frequente, che uno dei due coniugi non voglia acconsentire alla separazione e faccia da “bastian contrario”. In questo caso, si può procedere autonomamente, depositando la richiesta in tribunale e notificandola alla controparte. Quest’ultima poi deciderà se costituirsi o meno (in quest’ultimo caso rimanendo “contumace” ossia assente). 

La presenza dell’altro coniuge non è dunque necessaria per avviare la procedura di separazione. Stessa cosa dicasi per il divorzio di cui parleremo a breve.

Dopo quanto tempo il divorzio?

Una volta eseguita la separazione, i coniugi devono attendere un periodo più o meno lungo prima di poter divorziare e, così, decretare la definitiva cessazione del matrimonio. Questo periodo è di:

  • 6 mesi se la separazione è stata consensuale;
  • 12 mesi se la separazione è stata giudiziale. In tal caso, il termine inizia a decorrere non dalla sentenza finale di separazione ma dal provvedimento provvisorio emesso, prima dell’inizio del giudizio, dal presidente del tribunale. Provvedimento rivolto a dettare le condizioni di separazione in attesa della decisione definitiva. 

Dopo la separazione, il matrimonio non si scioglie ma vengono meno alcuni doveri come quello di convivenza e di fedeltà. La coppia resta quindi ancora formalmente sposata. Di tanto abbiamo già parlato nell’articolo “Da separati si è ancora sposati?“.

Cosa bisogna fare per chiedere il divorzio?

Per chiedere il divorzio, bisogna innanzitutto essere separati, aver cioè già ottenuto la sentenza di separazione e aver atteso il termine di sei mesi o di un anno a seconda del caso (v. sopra).

Eccezionalmente, si può divorziare senza separazione. Ciò avviene per:

  • mancata consumazione del matrimonio;
  • condanna per reati particolarmente gravi;
  • rettifica del sesso.

Si può chiedere il divorzio seguendo la stessa trafila appena vista per la separazione; pertanto:

  • è possibile chiedere un divorzio consensuale, con ricorso in tribunale (e udienza unica davanti al presidente), con negoziazione assistita o con procedura davanti al sindaco;
  • in assenza di accordo, si può procedere con il divorzio giudiziale, ossia intraprendendo una causa contro l’ex coniuge al fine di rimettere la decisione al giudice.

In entrambi i casi, gli accordi conclusi in sede di separazione consensuale non sono vincolanti. Questo significa che il coniuge che ha prestato il proprio consenso a una determinata distribuzione degli asset familiari (patrimonio, figli, ecc.) può ben cambiare idea e richiedere qualcosa in più (o, poco verosimilmente, in meno).

Anche il giudice, nell’ambito di un divorzio giudiziale, non è tenuto a mantenersi alla decisione della separazione precedente potendo mutare le condizioni se sono cambiate le condizioni personali o patrimoniali dei due coniugi (si pensi a uno dei due coniugi che, nel frattempo, ha ottenuto un lavoro o un aumento dello stipendio).

Dunque, tutto ciò che bisogna fare per chiedere il divorzio è dotarsi della precedente sentenza della separazione e, verificato se sia possibile un accordo con l’ex coniuge, affidare la pratica a un avvocato.

La richiesta di divorzio in Comune può essere inoltrata direttamente dalle parti, senza bisogno di assistenza legale. Negli altri casi, però, anche se si tratta di divorzio consensuale, è necessario l’avvocato. Anche qui, come visto nel caso di separazione, non è necessario il consenso dell’ex. Se uno dei due coniugi infatti si dovesse rifiutare di dare il divorzio l’altro potrebbe agire ugualmente notificando l’atto di ricorso alla controparte e agendo eventualmente in sua assenza (contumacia).

Per chiedere la separazione e il divorzio non è necessario fornire delle prove circa l’intollerabilità della convivenza. Basta semplicemente addurre il fatto che la stessa è divenuta impossibile: è sufficiente insomma la sola affermazione per dar vita alla procedura. E ciò perché separazione e divorzio sono due procedure che spettano di diritto e non subordinate alla dimostrazione di particolari eventi.

Se però si vuol chiedere il cosiddetto addebito – ossia imputare la responsabilità della cessazione del matrimonio – all’altro coniuge sarà necessario fornire le prove di ciò, prove cioè della violazione dei doveri del matrimonio (coabitazione, fedeltà, assistenza).


note

Autore immagine: it.depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube