Politica | News

Roma: la candidatura di Calenda ha già spaccato il Pd

19 Ottobre 2020
Roma: la candidatura di Calenda ha già spaccato il Pd

Il centrosinistra non ha un suo aspirante sindaco. L’ex ministro dello Sviluppo Economico ufficializza la sua corsa per il Campidoglio in tv da Fazio.

Il Pd è a un bivio: sostenere o no la candidatura di Carlo Calenda al Campidoglio? Non è una novità che nel centrosinistra ci si divida. La corsa dell’ex ministro dello Sviluppo economico a sindaco di Roma è l’ultimo motivo di discussione interna.

Da un lato, tra i dem, c’è chi non si farebbe problemi ad appoggiarlo. «Calenda è oggettivamente un buon candidato ed è indubbiamente un candidato competitivo», ha detto il capogruppo Pd al Senato Andrea Marcucci, intervistato da Affari italiani, che ha proseguito sottolineando come «a Roma serva innanzitutto una alleanza larga, che abbia anche i connotati di uno schieramento civico». Il fronte però è caldo e aperto: «Credo debba decidere il Pd di Roma», si è smarcato alla fine il senatore.

Poi, c’è l’altro lato del Pd, che non vede di buon occhio il sostegno al leader di Azione. Basti citare Alessandra Casu, segretaria del Pd romano: «Quella di Calenda ad oggi, malgrado aperture e disponibilità nostra è una candidatura che lui sta costruendo contro tutto quello in cui il Pd crede – ha scritto Casu in una nota -: l’apertura e la partecipazione popolare per la scelta del candidato o il Governo di cui siamo parte fondamentale. Purtroppo ancora una volta divide e la destra brinda». Lui, però, dice di «voler fare un percorso più coesivo possibile» e di essere «in campo fino in fondo», anche laddove il Pd schierasse un suo uomo.

Dopo l’annuncio ufficiale della candidatura a Che tempo che fa, da Fabio Fazio, ha dichiarato su La 7 all’Aria che tira che al Pd non resta molto da fare, ora come ora. «Ci fosse stato un candidato forte e credibile, questo problema non si sarebbe posto. Sarebbe stato più facile per il Pd appoggiare uno dei loro. Ma uno di loro non c’è, e si devono accontentare… – ha ironizzato Calenda -. Per ora a Roma sono il candidato di Azione. Se sono candidato con il centrosinistra lo deve decidere il centrosinistra».

Una decisione netta però, allo stato attuale, non c’è. C’è quanto detto dal segretario Pd Nicola Zingaretti, piuttosto tiepido nei confronti di Calenda: «In ogni città il centrosinistra si sta organizzando per vincere le elezioni. Anche a Roma. Un patrimonio di forze, di donne e uomini, che ha già vinto nella Capitale e che ora sta discutendo sul manifesto e sugli obiettivi, per poi attivarsi per selezionare il percorso da intraprendere facendo decidere ai romani. Credo che la partecipazione popolare e la valorizzazione nelle città di queste donne e questi uomini sia un immenso patrimonio per vincere le elezioni. Il percorso è aperto a tutti, quindi anche a Calenda». Che tradotto, per chi non è molto pratico del «politichese», significa: si metta in fila e faccia le primarie.

Il numero uno di Azione, naturalmente, declina. «Non sono contrario in generale alle primarie, ma alle ultime del Pd c’erano 40mila persone. Se le primarie per Roma avranno numeri bassi, diventano uno scontro tra truppe cammellate. Penso che siano sbagliate, oltretutto in un momento in cui ci dicono che più di sei persone non possono stare a mangiare nello stesso tavolo, fai le primarie? Ritengo sia privo di senso in questo momento».


note

Foto: Wikipedia


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube