Politica | News

Conte sfida la maggioranza con l’ennesimo «no» al Mes

20 Ottobre 2020 | Autore:
Conte sfida la maggioranza con l’ennesimo «no» al Mes

Il premier replica alle sollecitazioni di Zingaretti e insiste: i soldi per la sanità li troviamo altrove. Con lui, il Movimento 5 Stelle.

Partito Democratico e Italia Viva possono dire quello che vogliono, ma Giuseppe Conte non ha alcuna intenzione di accettare il Mes. Non ora, non così. Lo ha ribadito oggi alla presentazione del nuovo libro di Bruno Vespa Perché l’Italia amò Mussolini (e come ha resistito alla dittatura del Covid) che uscirà il 29 ottobre con Mondadori Rai Libri. Il ragionamento del presidente del Consiglio è tanto chiaro quanto fiducioso: «I soldi necessari alla sanità – ha tagliato corto Conte – possiamo trovarli anche diversamente». Come, lo dirà appena ne avrà la certezza perché sul modo in cui il Governo intende trovarli non ha detto nemmeno una parola.

«Il Mes è un debito», ragiona il premier. «Se ne avremo bisogno, vuol dire che aumenteremo il deficit». Tuttavia, non c’è un’ostilità a priori: «Non ho mai escluso l’accesso al Mes. Queste decisioni politiche si prendono al tavolo di maggioranza dopo un confronto approfondito. Io ho dato soltanto un contributo per deideologizzare questo tema. Non ho una mia valutazione».

C’è quasi una punta di superstizione nelle sue parole: «Oggettivamente prendo atto che il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco ha detto che, visto che nessuno prende il Mes, ci sarebbe uno stigma per chi lo chiede. Io non so quantificare questo stigma. Non posso prevedere le reazioni dei mercati finanziari».

Accanto al premier, e a muso duro su questo argomento con il resto della maggioranza, il Movimento 5 Stelle, deciso a sostenere il «no» al Fondo Salva Stati: «Nessuno vuole il Mes perché è uno strumento inadeguato e rischioso. E il Presidente Giuseppe Conte – incalzano i grillini nel loro blog – è sotto attacco soltanto per aver ricordato, in risposta ad una domanda specifica, un fatto che è sotto gli occhi di tutti. I soldi per la sanità ci sono e ci saranno sempre più in futuro, perché l’epoca dei tagli ai servizi pubblici essenziali è finita. Alle Regioni – conclude il M5S – tocca spenderli al meglio e il prima possibile».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube