Insulti ai vicini: scatta lo sfratto

20 Ottobre 2020 | Autore:
Insulti ai vicini: scatta lo sfratto

Insulti, aggressioni e minacce violano il principio sancito dal Codice civile sull’obbligo di osservare la diligenza del buon padre di famiglia.

Per una discussione animata si può essere richiamati all’ordine, ma per insulti o aggressioni ad un vicino di casa si rischia lo sfratto. Anche per un singolo episodio, se di una certa gravità. Lo ha stabilito la Cassazione con un’ordinanza appena depositata [1].

Basta, quindi, qualche parola di troppo per vedersi arrivare l’ufficiale giudiziario. Questo perché, secondo la Suprema Corte, l’inquilino deve osservare «la diligenza del buon padre di famiglia nel servirsi dell’immobile», atteggiamento che, certamente, non corrisponde a quello di chi si mette a insultare il vicino di pianerottolo. Anzi: proprio per questo motivo – sottolineano gli Ermellini – un simile comportamento costituisce un abuso del bene locato, come sancito dal Codice civile a proposito degli obblighi principali del conduttore [2].

Non sarebbe, certo, l’esempio corretto da dare con la diligenza del buon padre di famiglia, come nel caso esaminato dalla Cassazione, minacciare i vicini, appendere dei cartelli con degli insulti a loro dedicati o imbrattare la loro porta con della vernice bianca. Elementi che, oltre allo sfratto, portano anche sul terreno penale.

Il fatto diventa ancora più grave se, facendosi prendere dalla rabbia, l’inquilino viola un contratto in virtù del quale non gli è consentito «compiere atti e tenere comportamenti che possano recare molestia agli altri abitanti dello stabile».


note

[1] Cass. ordinanza n. 22860/2020.

[2] Art. 1587 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube