Lo stress da Covid rovina i denti

20 Ottobre 2020
Lo stress da Covid rovina i denti

Tra i tanti danni del Coronavirus e delle sue dirette conseguenze, come il cambio di abitudini, c’è anche un possibile peggioramento della salute dentale.

La pandemia ha prodotto danni incalcolabili, alla salute e non. L’ultima scoperta è che il Coronavirus possa indirettamente incidere anche sulle condizioni di denti e gengive. Non ne è responsabile il Covid di per sé, ma alcuni dei cambiamenti che ha apportato. Per esempio, ha moltiplicato angoscia e stati d’ansia: di essersi ammalati/aver contagiato a propria insaputa, di subire sul lavoro le conseguenze della crisi, di non poter abbracciare i propri cari ecc.

In tanti si sono inoltre ritrovati a cambiare le proprie abitudini professionali. Il lavoro si fa sempre più smart, sfruttando la tecnologia: c’è chi apprezza e poi, invece, c’è chi non ha ancora metabolizzato la novità di lavorare da casa.

Il risultato è che stanno aumentando un po’ dappertutto bite e fratture dentali. Un incremento, rispetto al 2019, notato per la prima volta negli Stati Uniti, pari a un +120% delle rotture dei denti, un +36% di chi li digrigna e un +18% di carie, ma il fenomeno sta interessando anche l’Italia, tant’è che la Società italiana di parodontologia e implantologia (Sidp) ha lanciato l’allarme al XXI congresso nazionale di Firenze, appena terminato.

Secondo gli esperti, sarebbero soprattutto l’ansia causata dal distanziamento sociale e lo stress da smart working ad aumentare il bruxismo. «Dopo il lockdown abbiamo registrato un generale peggioramento delle condizioni orali e parodontali e tra le varie complicanze spicca anche una maggiore incidenza delle fratture dentali», ha spiegato Luca Landi, presidente Sidp, all’agenzia di stampa Adnkronos. 

«La causa – continua Landi – oltre alla mancanza di visite di controllo e alla scarsa igiene orale, è riconducibile anche alla maggiore ansia determinata dal distanziamento sociale. Molte persone infatti somatizzano lo stress nel cavo orale, con attività come il bruxismo o il serramento dei denti che a lungo andare possono deteriorare le superfici dentali e causare fratture, dolore alla mascella, sensibilità dentale, emicrania e aumento della mobilità dentale nei pazienti con parodontite più gravi, di stadio III e IV».

Lo stress da smart working, invece, riguarda soprattutto l’aumento delle ore e dei carichi di lavoro: spesso gli orari saltano e si resta davanti al pc per molto più tempo del dovuto. In Italia, come spiega Landi, «a oggi non esistono dati certi, ma il trend di un aumento del bruxismo è di oltre +30% delle richieste di bite».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube