Diritto e Fisco | Articoli

Quando scatta la sospensione o la revoca della patente, il fermo o la confisca del veicolo

10 Dicembre 2013 | Autore:
Quando scatta la sospensione o la revoca della patente, il fermo o la confisca del veicolo

Guida senza patente, omissione di soccorso in caso di incidente, guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, guida in stato di ebbrezza: un vademecum pratico per evitare di incorrere in queste sanzioni e come rimediare una volta applicate.

Negli ultimi anni le norme relative al fermo e alla confisca del mezzo, nonché alla revoca e sospensione della patente sono state spesso modificate (ogni volta con piccoli correttivi) sull’onda del clamore mediatico delle stragi del sabato sera.

Quindi, in assenza di una normativa omogenea, è utile fare un quadro generale almeno sui reati più comuni a seguito dei quali scattano tali sanzioni accessorie.

Si tratta di sanzioni accessorie che, quindi, si aggiungono (e non sostituiscono) alle classiche sanzioni penali detentive o pecuniarie.

Cominciamo ad analizzare le sanzioni accessorie ai più comuni reati stradali.

Guida senza patente [1]

Quando la licenza di guida non è stata conseguita o è stata revocata e, ciononostante ci si mette al volante, è previsto il fermo del veicolo per 3 mesi; se si è recidivi il veicolo viene confiscato, cioè espropriato a favore della Stato.

Omissione di soccorso in caso di incidente [2]

La patente di guida è sospesa per un periodo minimo di 1 anno e fino a un massimo di 5.

Guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti [3]

Oltre alla sospensione della patente da 1 a 4 anni, se si è recidivi in un triennio la patente viene revocata e il veicolo confiscato (salvo che appartenga ad altri).

Per i neo-patentati la patente può essere sospesa anche per un massimo di 6 anni.

Inoltre, a chi guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e provoca un incidente la patente viene comunque revocata, cioè annullata.

Guida in stato di ebbrezza [4]

In base al differente valore del tasso alcolemico riscontrato, è prevista la sospensione della patente da un minimo di 3 mesi fino a un massimo di 4 anni, o anche 6 per i neo-patentati.

Se il tasso alcolemico è superiore a 1,5 g/l viene inoltre confiscato il veicolo (salvo che appartenga ad altri) e anche revocata la patente di guida se si è recidivi in un biennio.

Infine, se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente, il periodo di sospensione della patente è raddoppiato e viene disposto il fermo del veicolo per 6 mesi (salvo che appartenga ad altri); comunque viene revocata la patente se il tasso alcolemico è superiore a 1,5g/l.

Rimedi per tentare di attenuarne i disagi

Se l’organo di polizia accerta una violazione che prevede la confisca del veicolo, allora provvede subito al sequestro del medesimo.

Contro tale sequestro è possibile fare ricorso al Prefetto e, se quest’ultimo rigetta il ricorso ordinando la confisca, è possibile fare opposizione dinanzi al giudice con un giudizio civile [5].

In maniera analoga è possibile fare ricorso al Prefetto contro il fermo di un veicolo e, in caso di rigetto, fare opposizione all’autorità giudiziaria [6].

Se invece viene accertata una violazione per la quale è prevista la sospensione della patente, quest’ultima viene subito ritirata dall’organo di polizia e inviata al Prefetto che deve stabilirne il periodo di sospensione.

Contro il provvedimento di sospensione della patente emesso dal Prefetto è possibile fare opposizione dinanzi all’autorità giudiziaria con un giudizio civile [7].


note

[1] Art. 116 cod. strada.

[2] Art. 189 cod. strada.

[3] Art. 187 cod. strada.

[4] Art. 186 e 186-bis cod. strada.

[5] Artt. 213 cod. strada.

[6] Art. 214 cod. strada.

[7] Art. 218 cod. strada.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube