Cronaca | News

Covid: contagi alle stelle

21 Ottobre 2020 | Autore:
Covid: contagi alle stelle

Superati i 15mila nuovi casi, quasi 130 morti in 24 ore. Situazione critica in Lombardia, dove domani scatta il coprifuoco.

Purtroppo, le previsioni sui contagi da Covid, di cui circolava qualche indiscrezione che abbiamo riportato all’alba, si stanno avverando. Il bollettino del ministero della Salute di oggi è un bagno di sangue: 15.199 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Ieri superavano i 10mila. Il picco era di 11mila e passa. Le vittime sono 127. Ieri erano 89.

Gli esperti l’avevano annunciato: da oggi a venerdì, assisteremo ad un’impennata della curva dei contagi mai vista. Motivo per cui il Governo sta mettendo a punto un nuovo Dpcm da firmare entro domenica con cui introdurre nuove misure restrittive, a partire dal coprifuoco nazionale per arrivare alla chiusura di palestre e piscine.

Critica la situazione in Lombardia, dove i nuovi positivi superano quota 4.100 unità, oltre 1.850 dei quali a Milano città. Numero che, secondo il governatore, Attilio Fontana, ed il sindaco del capoluogo, Giuseppe Sala, giustificano l’ordinanza di coprifuoco firmata dal presidente della Regione ed in vigore da domani fino al 13 novembre.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Sinceramente, questa situazione sta peggiorando e l’aumento dei contagi deve farci riflettere molto. Nonostante le mille raccomandazioni la gente continua a non rispettare le regole di distanziamento e dell’uso delle mascherine

  2. IO non vorrei allarmare nessuno, ma i posti di terapia intensiva non sono molti e vorrei capire come il sistema sanitario intende fronteggiare una situazione del genere. Qui, rischiamo di ritrovarci peggio della prima ondata di coronavirus quando non sapevamo nulla a proposito. Nel frattempo, tutti quei soldi e gli investimenti di cui si parlava che fine hanno fatto?

  3. Ci sono città in cui i posti di terapia intensiva potrebbero essere sfruttati e, invece, vengono lasciati lì nel dimenticatoio e si parla di emergenza. Ma se le attrezzature ci sono perché non le sfruttano? Vogliono portarci alla morte????

  4. Hanno fatto benissimo a chiudere e mettere il coprifuoco a fronte di questi peggioramenti. I numeri aumentano e ci sono mini lockdown nelle città con focolai. Bisogna fare attenzione e non prendere sottogamba il pericolo di contagio. Da qui alla ripresa della situazione di marzo non ci vuole niente

  5. Mio figlio vive a Milano e sono molto preoccupata per lui. Spero di riuscire a vederlo nelle feste natalizie e spero che non chiuderanno i confini regionali. Il rischio di diffusione del covid è molto alto. Lui fortunatamente esce solo per fare la spesa e ogni tanto per incontrarsi con gli amici, ma evita assembramenti anche perché un suo collega si è ammalato quindi se proprio esce, sta a distanza con mascherina e igienizzante sempre dietro

  6. Chissà se l’arrivo del vaccino ci potrà davvero proteggere come dicono. Io personalmente ho paura del vaccino. Leggo di queste sperimentazioni, ma chi lo sa se funzioneranno sul serio. Il fatto di fare tutto in fretta e furia e bruciare le solite tappe, mi preoccupa da un lato e mi solleva dall’altro…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube