Diritto e Fisco | Articoli

Richiesta risarcimento danni per caduta in un tombino

21 Ottobre 2020
Richiesta risarcimento danni per caduta in un tombino

Responsabilità oggettiva del Comune per i difetti di manutenzione delle strade e dei marciapiedi: quando agire. 

È molto probabile che, se dovessi cadere a terra a causa di un tombino divelto procurandoti delle ferite, penseresti innanzitutto a chiedere il risarcimento al Comune. Questo perché, ad intuito, si ritiene spesso che di tutti i danni derivanti dalla cattiva manutenzione della strada sia responsabile il proprietario della stessa. Ma non è così e a ricordarlo è una recente ordinanza della Cassazione [1]. La richiesta di risarcimento danni per caduta in un tombino può finire nel vuoto se non sussistono tutte le condizioni per dimostrare l’assenza di propria colpa. In buona sostanza, la legge – o meglio l’interpretazione della legge che ne fa la giurisprudenza – esige un minimo di prudenza e diligenza da parte dei pedoni. Non si può – detto con parole comuni – camminare con la testa fra le nuvole.

È quindi bene sapere quando è giusto “insistere” nella richiesta di risarcimento danni per caduta in un tombino e quando invece è meglio desistere, onde evitare di pagare magari le spese processuali alla controparte.

Le parole usate dalla pronuncia della Suprema Corte appena richiamata sono decisamente tecniche e non le si può comprendere se non si è esperti del settore legale. Per questo, tenteremo di tradurle in lessico comune, facendo degli esempi pratici.

La responsabilità del proprietario della strada per il difetto di manutenzione

In linea teorica, il proprietario di una cosa – ivi compresa quindi anche la strada – deve rispondere di tutti i danni procurati dalla cosa stessa, anche se non ne ha una colpa personale. Lo dice l’articolo 2051 del Codice civile a norma del quale «Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito».

Sul concetto di «caso fortuito» ci soffermeremo più in là: come vedremo a breve, è proprio questo il perno della responsabilità e l’ago della bilancia per stabilire quando è possibile chiedere il risarcimento o meno. Per il momento ci basti dire che la regola generale imputa una responsabilità “oggettiva” – ossia che prescinde da malafede o da colpa – in capo al titolare della cosa che ha prodotto il danno.

Nel caso della caduta determinata da un tombino, dunque, prima di inviare la richiesta di risarcimento, bisogna comprendere se il suolo è della Regione, della Provincia o del Comune.

Il caso fortuito

La norma del Codice civile che abbiamo appena citato stabilisce un esonero della responsabilità del titolare della strada se sussiste un «caso fortuito». Il caso fortuito è un evento imprevisto e inevitabile anche tenendo una condotta diligente. 

L’esempio scolastico è costituito dall’improvvisa apertura di una voragine sul suolo, determinata da un terremoto, in quanto fattore del tutto eccezionale e inaspettato. Esempi simili possono essere costituiti dalla buca prodotta dagli acquazzoni o da una nevicata. 

In questi casi, bisogna dare il tempo al proprietario della strada di intervenire per mettere in sicurezza il suolo, con delle recinzioni o provvedendo alla bitumazione. Questo significa che se l’incidente si verifica a ridosso dell’apertura della buca, alcuna responsabilità può essere ascritta al Comune. Se invece l’evento si realizza quando già l’amministrazione ha ricevuto la segnalazione del pericolo, allora quest’ultima non può essere più scusata.

Un’ultima – ma sicuramente più ricorrente – ipotesi di caso fortuito è l’imprudenza del danneggiato. La sua condotta poco diligente infatti si pone come un fatto eccezionale e imprevedibile per il proprietario della cosa. Così, chi cade pur dinanzi a una voragine ampia e ben illuminata non potrà che prendersela con se stesso.

La responsabilità del pedone

Il pedone deve fare la sua parte. Tanto più l’insidia è visibile tanto meno è possibile chiedere il risarcimento al Comune. E, difatti, è compito di chi cammina prestare la dovuta diligenza al suolo.

La visibilità si determina sulla base di una serie di elementi come:

  • la dimensione dell’insidia: una buca ampia o un tombino divelto sono elementi di dimensioni facilmente distinguibili;
  • la visibilità dell’insidia sulla quale gioca l’orario in cui si è realizzato l’infortunio (più difficile chiedere il risarcimento se la caduta avviene nelle ore diurne) e l’illuminazione della strada (di notte, in strada priva di lampioni, è più facile dimostrare di avere ragione);
  • la collocazione dell’insidia: una buca coperta da foglie o da altri materiali è più insidiosa di una che si presenta facilmente distinguibile a occhio nudo. Lo stesso dicasi per la buca al centro della strada rispetto a quella nascosta al suo margine. 

Quando il Comune è responsabile per il tombino

A rischio di apparire ripetitivi, il Comune si può dire responsabile per la caduta sul tombino solo se il danneggiato riesce a dimostrare che l’insidia era nascosta e non facilmente visibile, neanche usando l’ordinaria diligenza. Questa non è, chiaramente, la situazione di una buca che si apre in mezzo al marciapiede.

Le parole tecniche della Cassazione 

In apertura di questo articolo accennavamo al fatto che la Cassazione abbia utilizzato un linguaggio molto tecnico per esprimere i concetti che abbiamo appena sintetizzato. Per chi volesse approfondire, ecco dunque il vademecum dei giudici supremi in merito alla richiesta di risarcimento per la caduta in un tombino:

  • integra il caso fortuito tutto ciò che non è prevedibile in modo oggettivo o tutto ciò che rappresenta un’eccezione alla normale sequenza causale; 
  • il caso fortuito è integrato dalla condotta della vittima quando essa si sovrapponga alla cosa «al punto da farla recedere a mera “occasione” della vicenda produttiva di danno, assumendo efficacia causale autonoma e sufficiente per la determinazione dell’evento lesivo»; 
  • la natura oggettiva del criterio di imputazione della responsabilità da cose in custodia si basa sul dovere di precauzione a cui è soggetto il titolare della signoria sulla cosa custodita; 
  • qualora «manchi l’intrinseca pericolosità della cosa e le esatte condizioni di essa siano percepibili in quanto tali, ove la situazione comunque ingeneratasi sia superabile mediante l’adozione di un comportamento ordinariamente cauto da parte dello stesso danneggiato, va allora escluso che il danno sia stato cagionato dalla cosa, ridotta al rango di mera occasione dell’evento, e va considerato ritenuto integrato il caso fortuito».

note

[1] Cass. ord. n. 18100/2020.

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza 16 giugno – 31 agosto 2020, n. 18100

Presidente Amendola – Relatore Gorgoni

Rilevato che:

F.M. ricorre per la cassazione della sentenza n. 861/2018 del Tribunale di Avellino, pubblicata il 7 maggio 2018, articolando un solo motivo, illustrato con memoria.

Resistono con autonomi controricorsi Unipolsai Assicurazioni, Immobiliare Centro S.r.l..

La ricorrente espone in fatto di avere convenuto, dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, Immobiliare Centro S.r.l. per ottenerne la condanna al risarcimento di tutti i danni subiti quando, nell’area di parcheggio antistante il centro Commerciale GS in Torrette di Mercogliano, cadeva battendo violentemente il ginocchio a causa di un tombino in ferro, sconnesso, non visibile e neppure segnalato.

La convenuta eccepiva il proprio difetto di legittimazione passiva, stante che il contratto di gestione del parcheggio con la società SE.PAM Coop. arl obbligava quest’ultima a rispondere dei danni a persone o cose provocati nello svolgimento del servizio, chiedeva, pertanto, la chiamata in causa della SE.PAM e dell’Aurora Assicurazioni ai fini della manleva.

La SE.PAM restava contumace; si costituiva in giudizio solo la UGF Assicurazioni, già Aurora Assicurazioni, che chiedeva il rigetto della domanda, deduceva la nullità della chiamata in causa per difetto di procura ad litem nonchè la mancanza di responsabilità della Immobiliare Centro.

Il Giudice di Pace, con sentenza n. 360/2014, rigettava la domanda attorea.

La sentenza veniva confermata dal Tribunale di Avellino, investito del gravame dall’odierna ricorrente che, deducendo la natura privata del parcheggio, in quanto tale suscettibile di essere sempre vigilato e mantenuto in buone condizioni, lamentava: a) che il giudice di prime cure avesse posto a suo carico un obbligo di prestare massima attenzione, pur esistendo una oggettiva situazione di dissesto dell’area di parcheggio e che l’avesse ritenuta l’unica responsabile dei danni occorsi, nonostante non avesse fatto un uso improprio della cosa; b) che la sua eventuale disattenzione non poteva assurgere ad evento idoneo ad esonerare il custode da responsabilità, mancando i caratteri dell’imprevedibilità e dell’eccezionalità; d) che la società convenuta non fosse stata considerata responsabile, anche se non aveva assolto l’onere di dimostrare di avere osservato tutte le regole cautelari che si imponevano alla gestione del parcheggio. Affermava che il tombino non era visibile nè prevedibile, essendo aderente alle strisce delimitanti i posti auto, e che dalle foto esaminate dal giudice di prime cure non emergevano la dimensione e la tipologia del tombino, ma solo un leggero avvallamento non prevedibile nè visibile. Deduceva che le testimonianze erano state chiare e lineari, attendibili e coerenti con le altre emergenze istruttorie.

Il Tribunale, ritenuta invocabile la responsabilità ex art. 2051 c.c., valutava corretto che il giudice di primo grado avesse ritenuto fornita la prova liberatoria del caso fortuito, identificato nel fatto della danneggiata, quindi, confermava la sentenza di prime cure.

Avendo giudicato sussistenti le condizioni per la trattazione ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., il relatore designato ha redatto proposta che è stata ritualmente notificata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza della Corte.

Considerato che:

1. Con il mezzo impugnatorio la ricorrente deduce la violazione e falsa applicazione, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, degli artt. 1227, 2043 e 2051 c.c..

La tesi sostenuta è che il Tribunale abbia erroneamente applicato l’art. 1227 c.c., attribuendole l’esclusiva responsabilità dell’accaduto, giacchè la sua condotta, quand’anche ritenuta colposa, avrebbe dovuto tutt’al più essere considerata concausa dell’evento di danno, perchè senza il dislivello tra il pavimento ed il tombino la caduta non vi sarebbe stata. La responsabilità del custode era stata invece esclusa per la ricorrenza del caso fortuito, identificato nel fatto della vittima, che, per essere tale, avrebbe dovuto essere imprevedibile da parte del custode, posto che una condotta imprevedibile della vittima non è necessariamente colposa, perchè negligenza ed imprevedibilità non si implicano a vicenda: la diligenza avrebbe dovuto essere computata con riguardo al danneggiato, onde verificare se la condotta in concreto tenuta fosse stata diligente, cioè quella che avrebbe tenuto una persona di normale avvedutezza, mentre l’imprevedibilità avrebbe dovuto essere riferita al custode, al fine di stabilire se, con un giudizio ex ante, egli avrebbe potuto ragionevolmente attendersi quella condotta da parte della vittima. A fronte di condotte prudenti ed imprevedibili o prudenti e prevedibili la responsabilità del custode non avrebbe potuto, infatti, essere esclusa: l’esclusione avrebbe avuto ragione d’essere piuttosto nel caso in cui le condotte fossero state imprudenti e imprevedibili o, in parte, quando fossero risultate imprudenti e prevedibili.

La ricorrente, consapevole che l’accertamento circa la prevedibilità e diligenza della condotta è un accertamento di fatto, lamenta che il giudice nel caso di specie lo abbia omesso, limitandosi a ritenere che la causa della caduta fosse la disattenzione della vittima, la quale, se avesse usato l’ordinaria diligenza si sarebbe avveduta, di giorno, in una situazione illuminata, del piccolo avvallamento. In sostanza, il Tribunale avrebbe preso in considerazione la condotta della vittima (negligenza), ma non anche quella del custode (imprevedibilità).

Va premesso che il caso fortuito, che ben può essere costituito dal comportamento della vittima, inteso come fattore che, in base ai principi della regolarità o adeguatezza causale, esclude il nesso eziologico tra cosa e danno, è stato sottoposto ad un profondo esame da tre pronunce di questa Corte regolatrice, cui si intende dare seguito: Cass. 01/02/2018, nn. 2478, 2480, 2482. Tali pronunce, e quelle successive che vi si sono conformate (da ultimo, cfr., ad esempio, Cass. 08/10/2019, n. 25028), hanno messo a fuoco i seguenti caratteri della responsabilità ex art. 2051 c.c..

a) in primo luogo, integra il caso fortuito, quale fattore estraneo alla sequenza originaria, avente idoneità causale assorbente e tale da interrompere il nesso con quella precedente, tutto ciò che non è prevedibile oggettivamente, ovvero tutto ciò che rappresenta un’eccezione alla normale sequenza causale (imprevedibilità quindi intesa come obiettiva inverosimiglianza dell’evento);

b) il caso fortuito può essere integrato dalla stessa condotta del danneggiato quando essa si sovrapponga alla cosa al punto da farla recedere a mera “occasione” della vicenda produttiva di danno, assumendo efficacia causale autonoma e sufficiente per la determinazione dell’evento lesivo, così da escludere qualunque rilevanza alla situazione preesistente;

c) il riconoscimento della natura oggettiva del criterio di imputazione della responsabilità da cose in custodia si fonda sul dovere di precauzione imposto al titolare della signoria sulla cosa custodita, in funzione di prevenzione dei danni che da essa possono derivare; tuttavia, l’imposizione di un dovere di cautela in capo a chi entri in contatto con la cosa risponde a un principio di solidarietà (ex art. 2 Cost.), che comporta la necessità di adottare condotte idonee a limitare entro limiti di ragionevolezza gli aggravi per i terzi, in nome della reciprocità degli obblighi derivanti dalla convivenza civile, di tal modo che, quando il comportamento del danneggiato sia apprezzabile come ragionevolmente incauto, l’indagine eziologica sottende un bilanciamento fra i detti doveri di precauzione e cautela;

d) quando manchi l’intrinseca pericolosità della cosa e le esatte condizioni di essa siano percepibili in quanto tali, ove la situazione comunque ingeneratasi sia superabile mediante l’adozione di un comportamento ordinariamente cauto da parte dello stesso danneggiato, va allora escluso che il danno sia stato cagionato dalla cosa, ridotta al rango di mera occasione dell’evento, e va considerato ritenuto integrato il caso fortuito.

Applicando tali principi alla vicenda per cui è causa, pur dovendosi premettere che non è compito di questa Corte stabilire se il giudice di merito abbia proposto la migliore ricostruzione possibile dei fatti nè di condividerne la giustificazione, dovendo solo verificare se la giustificazione sia compatibile con il senso comune e con i limiti di una plausibile opinabilità di apprezzamento (Cass. 17/06/2009, n. 14098), si ritiene che, nel caso di specie, il Tribunale non abbia affatto violato le norme di legge che regolano il regime della responsabilità ex art. 2051 c.c. ed abbia fatto buon governo dei principi della giurisprudenza di questa Corte, ritenendo accertata la mancanza di un nesso di causalità tra la presenza del tombino e dell’avvallamento e la caduta, posto che la situazione dei luoghi e l’orario diurno erano prova del fatto che l’uso dell’ordinaria diligenza avrebbe evitato la caduta; il che è conforme ai principi in precedenza richiamati.

Nessuna argomentazione difensiva risulta svolta a supporto della pur dedotta violazione dell’art. 2043 c.c..

La memoria, depositata dalla ricorrente in vista della odierna Camera di Consiglio, non offre argomenti per modificare le suesposte conclusioni. Dalle argomentazioni difensive svoltevi si evince in maniera assai evidente che alla loro base è stata assunta una premessa in iure contrastante con la revisione organica cui è stata sottoposta la materia da parte di questa Corte e cioè che l’art. 2051 c.c. ponga una presunzione di colpa a carico del custode che deve essere vinta con la prova da parte di quest’ultimo di avere tenuto un comportamento diligente (p. 2 della memoria).

2. Ne consegue che il ricorso deve essere rigettato.

3. Le spese del presente giudizio di cassazione – liquidate nella misura indicata in dispositivo – seguono la soccombenza, dandosi atto della sussistenza dei presupposti processuali di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese in favore di ciascuna delle società controricorrenti, liquidandole in Euro 1.400,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ciao a tutti e grazie per la risposta. Dietro casa mia esiste un cortiletto di 20×2 metri dove sotto
    Scorre una roggia datata. Ad oggi scarica acque bianche e nere con pessimi odori. Il pavimento
    Del cortile e’ molto instabile in quanto non appoggia su niente e i tombini presenti sono rotti
    O mancanti. Il grosso problema e’ questo: la roggia e’ comunale ma il calpestio del cortiletto
    E’ mio. Io sono caduto in un tombino 4 mesi fa e mi hanno asportato la milza. CHIEDO A VOI
    DEVO INTERVENIRE SUL PAVIMENTO CHE E’ MIO O IL COMUNE PROPRIETARIO DELLA ROGGIA??? Savare’ 3332990924 grazie e grazie

    1. La situazione dei luoghi e l’orario diurno costituiscono prova del fatto che l’uso dell’ordinaria diligenza avrebbe evitato la caduta. In un caso deciso dal Tribunale di Taranto, il Comune è stato condannato a risarcire un cittadino per le lesioni riportate in seguito a una caduta, determinata dalla presenza lungo un marciapiede di un piccolo tombino sprovvisto di copertura e ricoperto di rifiuti che ne impedivano l’agevole individuazione. Per sottoporre il tuo caso specifico all’attenzione dei professionisti del nostro portale, puoi richiedere una consulenza legale cliccando qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza

Rispondi a Savare’ silvano Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube