Cronaca | News

Covid: l’autocertificazione da scaricare per il coprifuoco

22 Ottobre 2020 | Autore:
Covid: l’autocertificazione da scaricare per il coprifuoco

Ecco il modulo da portare con sé quando si esce di casa negli orari vietati dalle ordinanze regionali. Data e firma vanno indicati al momento del controllo.

Eccola di nuovo: l’autocertificazione torna come ai primi tempi dell’emergenza Covid. Questa volta, però, solo per Lombardia, Campania e Lazio, dove tra oggi e domani entrano in vigore le rispettive ordinanze di coprifuoco firmate dai governatori.

Il modello da portare con sé ogni qualvolta si esce di casa nell’orario in cui è consentito uscire solo per motivi di necessità è del tutto simile a quelli che si compilavano la scorsa primavera: occorre segnare, innanzitutto, i propri dati anagrafici, il numero del documento di identità che si ha in tasca in quel momento, indirizzo e recapito telefonico.

C’è, poi, la parte prestampata in cui chi firma l’autocertificazione dichiara:

  • di non essere sottoposto alla quarantena;
  • di essere a conoscenza delle misure anti-contagio in vigore;
  • di essere a conoscenza di altre limitazioni previste dal presidente della Regione o dal sindaco;
  • di essere a conoscenza anche delle sanzioni.

Successivamente, occorre indicare il motivo per cui si è usciti di casa, ovvero:

  • comprovate esigenze lavorative;
  • motivi di salute;
  • altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero da decreti, ordinanze e altri provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio, specificando quale.

Infine, bisogna riportare da dove si è partiti e dove si è diretti, indicando eventuali osservazioni. Data e firma da segnare al momento del controllo insieme all’operatore di Polizia.

Cliccando qui puoi scaricare il modulo dell’autocertificazione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube