Cronaca | News

La Germania mette mezza Italia in black list Covid

23 Ottobre 2020 | Autore:
La Germania mette mezza Italia in black list Covid

13 Regioni italiane inserite nelle zone a rischio: chi arriva da esse dovrà mettersi in quarantena o fare il tampone. Allarme contagi anche in Spagna, Francia e Svizzera.

La rapida crescita dei contagi in tutta Europa provoca le prime chiusure delle frontiere. Il primo Stato che ha adottato questo provvedimento è la Germania, che ha messo 13 Regioni italiane tra le aree ad “alto rischio”.

Si tratta di Campania, Liguria, Valle d’Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Umbria, Toscana, Lazio, Abruzzo e Sardegna, a cui si aggiunge la provincia autonoma di Bolzano. Chi vuole andare in Germania e proviene da una di queste Regioni inserite in black list dovrà mettersi in quarantena a meno che non sia in possesso di un recente tampone o test per il Covid-19 con risultato negativo.

Oltre a gran parte dell’Italia, nella black list tedesca compaiono la Svizzera, la Polonia e quasi tutta l’Austria. L’elenco viene periodicamente aggiornato sulla base dell’andamento dei contagi.

Intanto, altri Paesi europei dove la crescita del Covid è allarmante si preparano ad analoghe misure: la Spagna e la Francia, che hanno già superato il milione di casi ciascuna, ma anche la Svizzera, che ha registrato nell’ultimo bollettino un’impennata di quasi 6mila contagi in 24 ore.

«Se la situazione non migliorerà in Svizzera nei prossimi giorni, fra una settimana saranno introdotte ulteriori misure per contenere la diffusione del Coronavirus», ha detto ieri il ministro della Salute elvetico, che sottolinea come «solo tre settimane fa la Svizzera era una delle migliori nazioni sul piano europeo, ma ora è uno dei Paesi più in difficoltà. È difficile spiegare cosa abbia portato a questo, ma se si continua di questo passo senza reagire la situazione rischia di peggiorare ulteriormente». Così il rischio di un nuovo lockdown è sempre più probabile.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube