Cronaca | News

Telegram: a rischio l’app che spoglia le donne

23 Ottobre 2020
Telegram: a rischio l’app che spoglia le donne

Il Garante della Privacy apre un’istruttoria sul programma che permette di ritoccare le foto denudando il soggetto ritratto.

Circa settecentomila vittime: donne spogliate virtualmente, tra loro anche influencer con largo seguito. Le loro foto vengono prese dai social e i vestiti vengono fatti sparire, attraverso un software in grado di creare immagini taroccate ma estremamente realistiche: i nudi sembrano veri. A volte, non ci si accorge di essere finite in questa rete criminale, ma c’è anche il caso in cui i nudi finti fanno il giro del web.

A renderlo possibile è un bot di Telegram, cioè un programma automatico all’interno dell’app di messaggistica russa. Il bot modifica le immagini togliendo i vestiti a chi è ritratto nello scatto. In pratica, il programma è in grado di ricostruire le parti anatomiche del corpo, coperte dagli abiti.

Se ne parla come della nuova frontiera del revenge porn: l’intelligenza artificiale piegata a scopi di vendetta, dileggio o morbosità. Rientra nell’ambito del cosiddetto «deep fake», contraffazioni talmente accurate – proprio perché sfruttano l’intelligenza artificiale – da essere difficilmente distinguibili dalla realtà.

Il Garante della Privacy ha deciso di intervenire. Ha aperto un’istruttoria nei confronti di Telegram, dove il bot è utilizzabile e da cui partono scabrose immagini che vengono poi condivise in altre chat.

La motivazione è che «le gravi lesioni alla dignità e alla privacy a cui l’uso di un software simile espone le persone, soprattutto se minori, sono evidenti, considerati anche il rischio che tali immagini vengano usate a fini estorsivi o di revenge porn e tenuto conto dei danni irreparabili a cui potrebbe portare una incontrollata circolazione delle immagini, fino a forme di vera e propria viralizzazione».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube