Diritto e Fisco | Articoli

Attenzione all’imposta nascosta inviata con la Tares

10 dicembre 2013


Attenzione all’imposta nascosta inviata con la Tares

> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 dicembre 2013



Aumenta la Tares, ma insieme ad essa viene recapitata a casa dei contribuenti la richiesta di pagamento di un nuovo e nascosto tributo, che i Comuni stanno già provvedendo ad elevare sino alla soglia massima.

In questi giorni, i Comuni stanno inviando, a casa dei cittadini, i bollettini per il pagamento del saldo della Tares, l’imposta sulla spazzatura che sostituisce le vecchie Tarsu e Tia. Ma la richiesta contiene una maggiorazione per finanziare i cosiddetti servizi indivisibili comunali (per es. la polizia locale, l’anagrafe, l’illuminazione e la manutenzione delle strade, l’istruzione, ecc.).

Tale maggiorazione sta ingenerando notevoli confusioni tra i contribuenti, specie per i non addetti ai lavori, i quali sono portati a credere che si tratti di un semplice aumento dell’imposta sui rifiuti. E invece è proprio una nuova imposta, fatta passare di nascosto insieme alla Tares. Ma con la quale non ha nulla in comune, sin anche le scadenze [2].

Questa maggiorazione (o meglio, “nuova imposta”), istituita per sopperire all’abolizione parziale dell’Imu (e quindi far fronte al minor gettito) è così determinata:

0,30 euro a metro quadro.

Tale importo viene poi girato dai Comuni allo Stato. Ma è facoltà dei Comuni innalzare la tassa, portandola sino a 0,60 (di cui 0,30 devono comunque essere girate all’Erario pubblico e la restante parte può essere trattenuta dall’Ente). Cosa che molti Comuni stanno già facendo: quale amministrazione locale, potendo riscuotere di più, non lo farà? E difatti…

Come se ciò non bastasse, si aggiunge anche la “tangente” per le Province, alle quali è consentito effettuare altrettanti aumenti: ad esse, infatti, spetta una percentuale aggiuntiva tra l’1 e il 5% sull’importo Tares da pagare. Insomma: il gabelliere si chiama prima Stato, poi Comune, poi Provincia. Al cittadino, al termine di questi tre passaggi, poco rimane.

Oggi, infatti, l’ennesimo “tributo nascosto” viene recapitato a casa dei contribuenti: importi non di poco conto se si considera che arriva insieme alla Tares che, a sua volta, già molti Comuni hanno aumentato. Maggiorazioni su maggiorazioni, il tutto in un’ottica di poca trasparenza nei confronti del cittadino. Il quale, anziché essere rispettato, specie in un periodo di così grossi sacrifici, viene piuttosto “preso in giro”.

Insomma: se all’eliminazione di una tassa (nel caso di specie, l’Imu) deve sempre corrispondere un aumento delle altre per sopperire al calo delle entrate, preferiamo tenerci le imposte che abbiamo e decliniamo ogni “regalo” del Governo.

note

[1] In base all’art. 14 comma 13 del D.L. 201/2011; servizi indivisibili, ad esempio,

[2] 16 dicembre per la maggiorazione, 31 dicembre per l’imposta rifiuti (Tares)

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

10 Commenti

  1. … se serve la TAssa da pagare …allora ma,se serve davvero perchè serve? qual’è il motivo di una maggiorazione? Serve per soddisfare le esigense…ed io pago!!

  2. “Attenzione all’imposta nascosta inviata con la Tares” è il titolo di questo post. Ed ora? Qual’è la soluzione? Pagare o non pagare this is a question.

  3. Io direi di non pagere se ne parla ne corso del mese di gennaio vediamo che succede c i sono troppi ladri di questa sinistra e destra italiana si prendono a bracciatte letta ed Alfano.dobbiamo andare di nuovo al voto era negli o adesso o cmq prima di maggio 2014 Si faranno i loro giochi. Noi cittadini dobbiamo prendere in balzo sta palla che e gia al disastro per loro per i governati che ci anni amminostreato meglio un governo di dewstea come aerea ai primi annni Berlusconi che un governo peggio di essere comunista o fascista mandiamli a c casa votare 5 stelle e il miglio partito per adesso non vedo Alfano e ne letta e Berlusconi deve aprire a grillo .Silvio i SN una erdsona cheleggo cmq un semlece cittadino aanche se mi piace la polita e conosco componenti del tuo partito acatania cmq per rilanciare il partito forza silvio devi unirti insieme a grillo solo cosi l Italia potra vedere qualcosa ma dovete mupvervi perche i cittadini sono accanto a voi dai Silvio dai grillo forza andate dai salvate l Italia insieme a noi cittadini grazie grazie buona opposizioneer governare do dai i

    1. La ringraziamo per la Sua richiesta.
      L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
      E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI