Cronaca | News

Covid: a che ora si può portare fuori il cane

24 Ottobre 2020 | Autore:
Covid: a che ora si può portare fuori il cane

Il Dpcm ancora in vigore (ne sta arrivando un altro) non vieta le uscite notturne, ma in alcune Regioni si deve rispettare il coprifuoco.

Le ordinanze delle Regioni non lasciano scampo: in attesa che il nuovo Dpcm in arrivo introduca qualche novità in merito, si può uscire di casa oltre l’orario stabilito solo per motivi di lavoro, di salute o di comprovata emergenza (un parente che sta male, ad esempio).

Il decreto della Presidenza del Consiglio ancora in vigore non stabilisce un vero e proprio coprifuoco, come quello in vigore in Lombardia, Campania e Lazio o come quello in arrivo in Piemonte lunedì. Vuol dire che, tranne in queste quattro regioni, è possibile portare fuori il cane o andare a fare una passeggiata o una corsa in città purché si indossi la mascherina o si mantenga la dovuta distanza di sicurezza.

Non è possibile, invece, portare a spasso il cane dalle 23 alle 5 in Lombardia, Campania e- da lunedì – in Piemonte, mentre nel Lazio si può portare Fido a soddisfare i suoi bisognini fuori fino a mezzanotte e dalle 5 del mattino in poi.

Lo stesso vale per chi non vuole perdere l’abitudine di rigenerare il fisico facendo una corsa in città nelle ore serali: quelli sono gli orari nelle regioni del coprifuoco e quelli vanno rispettati. Altrove, invece, si può fare jogging, uscire a schiarirsi le idee dopo una discussione con il compagno o con il coniuge o portare fuori il cane anche alle 3 del mattino, se si soffre d’insonnia. Che nessuno pensi, però, di affogare le pene in un bicchiere al bar a quell’ora: i locali saranno chiusi, perché avranno dovuto chiudere la saracinesca all’orario del coprifuoco (mezzanotte dove non c’è un’ordinanza della Regione che dica il contrario) e non potranno rialzarla fino alle 5.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube