Cronaca | News

Covid: Azzolina minimizza i contagi a scuola

24 Ottobre 2020 | Autore:
Covid: Azzolina minimizza i contagi a scuola

La ministra dell’Istruzione replica all’allarme lanciato dall’ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana Battiston: «Per l’Iss il rischio è molto basso».

Da una parte, l’ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana, il fisico Roberto Battiston, che avverte: «La riapertura delle scuole ha messo il turbo alla pandemia, stiamo correndo troppi rischi» Dall’altra, il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che getta acqua sul fuoco e minimizza: «Il numero di focolai dentro le scuole è addirittura sceso, in proporzione al totale». Il primo chiede di ricorrere il più possibile alla didattica a distanza. La seconda resiste: la scuola non si deve chiudere. In mezzo, ci sono personale scolastico, genitori e allievi che vorrebbero sapere a che cosa si va incontro sul Covid ogni volta che si varca la soglia di un istituto.

Battiston spiega in un’intervista al Corriere della Sera: «L’aumento dei contagiati ha iniziato dai primi di ottobre una crescita esponenziale. Fino al 30 settembre, l’andamento nazionale ha seguito un ritmo che si stava assestando ad un valore molto più basso della prima ondata dell’epidemia. Le terapie intensive e gli ospedali non erano in sofferenza. Dal 1° ottobre è però iniziata, in modo netto, una crescita esponenziale che non si è più fermata raggiungendo in tre settimane valori molto più alti della prima ondata. La riapertura delle scuole – continua l’eminente fisico – ha agito come un potente amplificatore del contagio. Milioni di ragazzi hanno iniziato a frequentarsi regolarmente negli edifici scolastici portandosi dietro gli effetti delle loro frequentazioni, sport, trasporti, attività extrascolastiche e abitudini sociali».

Pronta la replica della ministra Azzolina: «Il monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità dice che la trasmissione del virus dentro le scuole è ancora limitata: i focolai a scuola nella settimana dal 12 al 18 ottobre – spiega – sono solo il 3,5% di tutti i nuovi focolai che si registrano nel Paese. Ma il dato più sorprendente è un altro: la settimana precedente (5-11 ottobre) erano il 3,8%. Quindi il numero di focolai dentro le scuole è addirittura sceso, in proporzione al totale. L’Iss – conclude Azzolina – conferma che dentro le scuole il rischio di trasmissione del virus continua ad essere molto molto basso».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Non scherziamo che è davvero molto più probabile che il contagio si diffonda tra i bambini. Io ho insegnato a mio figlio come deve comportarsi, ma non è detto che tutti abbiano fatto lo stesso…

  2. Per i bambini è davvero importante ritornare nelle aule scolastiche e interagire con i loro compagni di classe, studiare in presenza tra i banchi, avere di fronte l’insegnante che può seguirli meglio.

Rispondi a Lucia Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube