Cronaca | News

Il Covid arrivato ai vertici delle istituzioni

25 Ottobre 2020 | Autore:
Il Covid arrivato ai vertici delle istituzioni

Positivi i portavoce di Mattarella e di Conte. Entrambi non avrebbero avuto contatti con il Capo dello Stato e con il premier negli ultimi giorni.

I presidenti della Repubblica e del Consiglio minacciati da vicino dal Covid. Al Quirinale, il portavoce di Sergio Mattarella, Giovanni Grasso, ha annunciato oggi di avere il coronavirus e di essere sintomatico. «Venerdì sera – ha detto Grasso – avevo la febbre alta, sabato ho fatto il tampone e stamattina ho avuto il responso: positivo».

Il portavoce del Capo dello Stato ha aggiunto di non avere la febbre da questa mattina e di stare «discretamente bene, tengo sotto controllo la saturazione dell’ossigeno e i valori sono assolutamente nella norma».

Grasso ha voluto rassicurare gli italiani: «Mercoledì pomeriggio avevo fatto il tampone ed ero risultato negativo. Per fortuna giovedì e venerdì (giorni in cui ero potenzialmente infettivo) non ho avuto contatti diretti con il Presidente. Ora sono in isolamento a casa. Mio figlio e mia moglie sono negativi. Al Quirinale sono già partite le previste procedure di sanificazione e controllo. Incrociamo le dita e occhio al virus: è veramente infido», ha concluso.

Situazione simile a Palazzo Chigi. Rocco Casalino, portavoce del presidente del Consiglio Giuseppe Conte è in autoisolamento fiduciario. Casalino ha annunciato di essere positivo al coronavirus e di averlo saputo ieri sera, dopo avere accusato lievi disturbi. Era già in autoisolamento dopo che il suo compagno e convivente, José Carlos, era, a sua volta, positivo al Covid-19, pur se asintomatico. Il portavoce del premier – che oggi non era in conferenza stampa – ha assicurato che ancora mercoledì risultava negativo ai tamponi e che, comunque, dal giorno prima, martedì, non ha più messo piede a Palazzo Chigi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube