HOME Articoli

Lo sai che? Per l’errore del commercialista nella dichiarazione dei redditi paga il contribuente

Lo sai che? Pubblicato il 12 dicembre 2013

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 12 dicembre 2013

Il cliente del commercialista è responsabile per l’errore di quest’ultimo nella compilazione e invio della dichiarazione dei redditi.

Il contribuente deve sempre controllare l’operato del proprio commercialista con il massimo scrupolo e zelo: difatti, nel caso in cui quest’ultimo effettui una dichiarazione dei redditi infedele, ad essere responsabile delle sanzioni resta sempre il cliente. E ciò anche se il commercialista che ha curato l’invio telematico ammette la propria responsabilità e anche se il cliente non ha firmato il modello Unico.

Lo ha sancito la Cassazione con una sentenza di ieri [1]. Affidare, dunque, la presentazione della propria dichiarazione dei redditi a uno studio commercialistico o a un Caf non esonera il contribuente da un controllo sull’operato dei professionisti e, quindi, dalle relative sanzioni fiscali in caso di colpa di questi ultimi.

Infine la Corte si è soffermata sulla questione relativa alla mancata firma del contribuente sulla copia della dichiarazione inviata al Fisco. Ciò non fa venir meno la validità dell’atto e, soprattutto, la riconducibilità dello stesso al contribuente medesimo. Ciò perché l’obbligo della sottoscrizione della dichiarazione, nel caso di presentazione in via telematica, riguarda solo il modello in originale che il contribuente è tenuto a conservare, e non quello trasmesso in via telematica, che invece è solo una copia del modello già in possesso del contribuente.

Pertanto, le due dichiarazioni si presumono essere sempre identiche, essendo appunto l’una la copia dell’altra. E quindi, la copia in possesso dell’Agenzia delle Entrate resta pur sempre un documento riconducibile alla mano del contribuente che ha firmato l’originale (e non al suo commercialista).

note

[1] Cass. sent. n. n. 27712 dell’11.12.2013.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. salve,non ho mai saputo che la dichiarazione dei redditi inviata on line andasse firmata prima. che devo fare? il mio commercialista non mi ha detto mai di firmare…..puo’ accadermi qualcosa?

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

Hai un dubbio giuridico, curiosità che ti piacerebbe conoscere? Chiedicelo

CERCA CODICI ANNOTATI