Diritto e Fisco | Articoli

Lettera di licenziamento: cosa deve esserci

27 Ottobre 2020
Lettera di licenziamento: cosa deve esserci

Come deve essere la lettera di licenziamento e qual è il suo contenuto essenziale. 

La possibilità di contestare un licenziamento parte dalla verifica della lettera che l’azienda è tenuta a inviare al dipendente. Tale atto infatti deve rispettare alcuni requisiti formali e contenutistici: requisiti necessari a consentire, al suo destinatario, di apprestare un controllo e, quindi, una difesa sulle ragioni poste a fondamento della scelta del datore di lavoro.

Ecco allora cosa deve esserci nella lettera di licenziamento. 

Licenziamento disciplinare

La lettera di licenziamento deve atteggiarsi in modo diverso a seconda del tipo di motivazione posta alla base della risoluzione del rapporto di lavoro. 

Come noto, sono due le categorie di licenziamento ammesse dalla legge: 

  • il licenziamento per ragioni disciplinari (derivante cioè da un comportamento colpevole del dipendente). In questo caso, parliamo di licenziamento per giusta causa (quando la violazione è talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro neanche per un solo giorno: in tale ipotesi, scatta il licenziamento in tronco, senza cioè preavviso) o di licenziamento per giustificato motivo soggettivo (quando invece la violazione è meno grave, ma non tanto da escludere il recesso dal contratto di lavoro: in tale ipotesi, il licenziamento viene dato con il preavviso);
  • il licenziamento per ragioni collegate all’organizzazione aziendale o alla produzione. Si parla, a riguardo, di licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

Nel licenziamento disciplinare è necessario indicare il comportamento contestato. Non è necessario fornire le prove a carico del dipendente che potranno essere prodotte anche in un secondo momento, innanzi al giudice, in caso di contestazione. Ciò nonostante, il comportamento contestato deve essere identificato in modo specifico e certo, in modo che non possa essere successivamente oggetto di modifica.

La lettera poi deve essere spedita con sollecitudine rispetto alla contestazione lamentata. È il cosiddetto principio di immediatezza, che però deve tenere conto delle dimensioni dell’azienda e, quindi, dei processi organizzativi interni. Ecco pertanto che, in determinate realtà, è ben possibile una lettera di licenziamento giunta diversi mesi dopo i fatti.

Licenziamento per ragioni aziendali

Anche nel caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, il datore di lavoro ha l’obbligo di comunicare per iscritto i motivi del recesso, ma non è tenuto ad esporre specificamente tutti gli elementi di fatto e di diritto a base del provvedimento; è sufficiente che indichi la ragione di recesso nei suoi tratti e nelle circostanze essenziali, così che in sede di impugnazione non possa invocare una fattispecie totalmente diversa. A maggior ragione, non è certamente tenuto a fornire, in sede di esposizione dei motivi, anche la prova dei suddetti motivi.

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo è legittimo solo nella misura in cui il dipendente non possa essere adibito ad altre mansioni (cosiddetto repêchage) ma il datore non è tenuto a indicarlo nella lettera di licenziamento; dovrà però dimostrarlo nel caso di successiva contestazione da parte dell’interessato.

Ad avviso della Suprema Corte, la ratio della norma che impone la specificazione dei motivi contestuale al licenziamento scritto è quella che «la motivazione del licenziamento sia specifica ed essenziale e consenta al lavoratore di comprendere le effettive ragioni del recesso».

Ne consegue che, nella comunicazione del licenziamento, il datore di lavoro ha l’onere di specificarne i motivi, ma non è tenuto, neppure dopo la suddetta modifica legislativa, a esporre in modo analitico tutti gli elementi di fatto e di diritto alla base del provvedimento [2].

La Corte afferma altresì che, nella motivazione del licenziamento per soppressione del posto, non è necessaria l’indicazione dell’impossibilità di adibire il lavoratore ad altre mansioni; tuttavia, in forza dei principi di immutabilità della motivazione e della natura dell’obbligo di repêchage come fatto costitutivo del licenziamento, tale impossibilità deve essere provata in giudizio.


note

[1] Cass. sent. n. 16857/2020. 

[2] Cass. sent. n. 6678/2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube