Covid, gli aiuti per chi chiude: cosa prevede il decreto

27 Ottobre 2020 | Autore:
Covid, gli aiuti per chi chiude: cosa prevede il decreto

Proroga della cassa integrazione e finanziamenti, anche a fondo perduto, per chi ha dovuto chiudere in tutto o in parte. Ecco i soldi stanziati.

Verrà approvato oggi dal Consiglio dei ministri, e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il cosiddetto decreto Ristori, un pacchetto di aiuti da quasi 7 miliardi di euro per le attività che sono state costrette a chiudere o a limitare in maniera importante la loro attività a causa del Dpcm con le misure anti-Covid entrato in vigore ieri fino al 24 novembre.

Una parte di questo pacchetto è destinata a finanziare un’ulteriore proroga della cassa integrazione d’emergenza. Si parla di altre 9-10 settimane da utilizzare entro il mese di febbraio 2021 che si aggiungerebbero a quelle previste dalla manovra. Il Governo deciderà oggi se questo periodo di cassa, che costerà oltre 2,5 miliardi di euro, verrà interamente finanziato dallo Stato o se le aziende interessate dovranno contribuire in parte.

Alla proroga della cassa integrazione Covid si legherebbe quella del divieto di licenziamento su cui discuteranno domani Governo e parti sociali.

Inoltre, così come accordato prima del Consiglio dei ministri, il decreto concederà:

  • 300 milioni di euro a sostegno degli enti fieristici;
  • 180 milioni per i lavoratori dello sport;
  • 150 milioni da usare per il credito d’imposta sugli affitti commerciali dei mesi di ottobre, novembre e dicembre;
  • 105 milioni per finanziare l’esenzione dalla seconda rata Imu in scadenza il 16 dicembre;
  • 200 milioni di euro per l’erogazione di un’ulteriore mensilità del reddito di emergenza;
  • 60 milioni destinati alle forze dell’ordine impegnate nei controlli sul rispetto delle misure del Dpcm.

I settori della cultura e del turismo riceveranno complessivamente oltre 1 miliardo di euro. Nel dettaglio:

  • 680 milioni di euro per finanziare l’indennità da 1.000 euro destinata ai lavoratori stagionali e dello spettacolo;
  • 400 milioni per le agenzie turistiche;
  • 100 milioni per il cinema;
  • 50 milioni di euro per le imprese culturali.

Non è finita: ci sono poi i contributi a fondo perduto a cui potrebbero avere accesso anche i titolari delle attività danneggiate dal Dpcm ma non del tutto chiuse. In particolare, si pensa ad un ristoro:

  • al 100% per gli esercizi e le attività che, dovendo chiudere alle 18, possono contenere le perdite e continuare a lavorare (ad esempio le gelaterie o le pasticcerie);
  • al 150% per chi ha un danno parziale, come i ristoranti che sono aperti a mezzogiorno e che possono fare servizio d’asporto la sera;
  • al 200% per chi deve chiudere del tutto, come le palestre, i cinema, i teatri, ecc.;
  • al 400% per le attività che erano chiuse già prima dell’entrata in vigore del Dpcm, come le discoteche.

I beneficiari verranno individuati dai codici Ateco.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube