Cronaca | News

Covid: regole e sanzioni sul numero chiuso nei negozi

27 Ottobre 2020 | Autore:
Covid: regole e sanzioni sul numero chiuso nei negozi

Anche gli esercizi commerciali devono esporre un cartello su quanti clienti possono entrare in contemporanea. Come si calcola e cosa si rischia.

Non solo bar e ristoranti, come previsto dal penultimo Dpcm: ora, anche i negozi devono esporre all’ingresso un cartello in cui si informa la clientela del numero massimo di persone che possono accedere in contemporanea all’esercizio commerciale. Così è previsto dal Decreto del presidente del Consiglio contenente le misure anti-Covid entrate in vigore ieri fino al 24 novembre.

Il Dpcm, infatti, recita: «È fatto obbligo ai locali pubblici e aperti al pubblico, nonché in tutti gli esercizi commerciali, di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti». In sostanza, anche i negozi devono indicare in quanti ce ne stanno all’interno dell’esercizio mantenendo le distanze di sicurezza interpersonali.

Ma come si fa a calcolare quanti clienti possono accedere in contemporanea? I «protocolli e le linee guida vigenti», citati nel testo del Dpcm, prevedono degli ingressi scaglionati e regolamentati in base a:

  • l’ampliamento delle fasce orarie di apertura e di chiusura;
  • l’ingresso di una sola persona per volta, oltre ad un massimo di due operatori, negli esercizi con superficie fino a 40 metri quadrati. In questo caso, è già possibile sapere che cosa scrivere nel cartello;
  • l’accesso in funzione degli spazi disponibili ai locali con superficie superiore ai 40 metri quadrati, differenziando se possibile i percorsi di entrata e di uscita.

In quest’ultimo caso, dovendo rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro, si deve dedurre che ogni cliente avrà a disposizione una superficie di due metri per due metri, in modo da mantenere il giusto distanziamento da un altro cliente. Pur sembrando un lavoro certosino, bisognerà, quindi, calcolare la superficie del locale al netto di banconi e arredi e dividerla per i due metri a cui ogni cliente ha diritto. Ne verrà fuori, approssimativamente, il numero di persone che possono sostare in contemporanea dentro il negozio.

Un aspetto da non sottovalutare, perché chi trasgredisce queste norme rischia una sanzione da 400 a 1.000 euro.

Il pagamento della sanzione viene fatto con lo stesso criterio delle multe stradali, cioè:

  • l’importo minimo (400 euro) se pagato entro 60 giorni dalla notifica o dalla contestazione;
  • l’importo ridotto del 30% (280 euro) se pagato entro 5 giorni dalla notifica o dalla contestazione.

Ci potrebbe essere, inoltre, la sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività per un periodo compreso tra 5 e 30 giorni.

La sanzione scatta non solo se all’ingresso non viene appeso il cartello sul numero massimo di persone che possono accedere al locale ma anche se non si controlla quanti clienti ci sono all’interno e se la soglia è stata superata.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Finora, quando sono andata nei negozi di cosmesi, le commesse stavano già attente a far entrare un numero max di persone lasciando attendere all’esterno gli altri clienti. Ora, a prescindere dalle regole, bisogna adottare anche il buon senso. Ovviamente, sono io stessa che evito di entrare in un negozio in cui vedo che lo spazio è ristretto e sono già presenti altre clienti.

  2. Poi, andando al centro commerciale ho notato che ci sono già numerosi negozi che si sono organizzati da tempo in questo modo dell’ingresso a turni. Sapete che vi dico? Meglio così anche perché eviti lunghe attese quando c’è tanta gente e poi le commesse ti danno retta e non devi rincorrerle per il negozio.

  3. Come mai all interno dei supermercati, però, vige la regola della savana? Almeno nella mia zona nessun ingresso contingentato dal mese di Maggio, distanza interpersonale irrisoria all’interno (basti pensare che le corsie sono due metri e pertanto dovrebbe accedervi un solo carrello/cliente per volta)…al solito i grandi poteri economici riescono a mandare l’acqua, e in questo caso il virus, all’insù!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube