Politica | News

Dpcm: la durissima e «piccata» risposta di Renzi a Conte

27 Ottobre 2020 | Autore:
Dpcm: la durissima e «piccata» risposta di Renzi a Conte

Il leader di Italia Viva: «Così aumentano i disoccupati. Dire no al Mes è puro masochismo. Siamo in maggioranza, ma non siamo Yes Man».

Nuovo episodio nel botta e risposta tra Matteo Renzi e Giuseppe Conte sul Dpcm entrato ieri in vigore. Prima, era stato il presidente del Consiglio a lanciare dalle pagine del Fatto quotidiano un appello alla responsabilità da parte di tutti i componenti della maggioranza e a «non soffiare sul fuoco del malessere sociale per qualche percentuale di consenso nei sondaggi». Un riferimento apparso chiaramente indirizzato al leader di Italia Viva, che ieri aveva criticato alcune delle misure anti-Covid varate dal Governo ed invitato Conte a modificare, se non addirittura a togliere, certi divieti che riguardavano i locali pubblici ed il settore della cultura e dello spettacolo (leggi anche l’articolo Conte: ecco perché ho chiuso).

La replica di Renzi non si è fatta attendere. L’ex inquilino di Palazzo Chigi non ci va per il sottile: «Leggo polemiche sulla nostra semplice richiesta al premier di rivedere il Dpcm», scrive l’ex presidente del Consiglio sulla sua pagina Facebook. «Chiudendo ristoranti alle 18 e chiudendo i luoghi della cultura non diminuiscono i contagiati: aumentano solo i disoccupati. Chiedere di riflettere su basi scientifiche e non su emozioni passeggere è un atto di responsabilità contro la superficialità».

Scrive ancora Renzi: «E a chi ci chiede: dite queste cose al tavolo di maggioranza ricordo che stiamo aspettando da oltre un mese il tavolo politico che abbiamo chiesto e che sarà convocato dopo gli Stati Generali dei Cinque Stelle».

Il capo di Italia Viva riflette anche su scuola e sanità: «I professori e gli studenti sono bravissimi ma la scuola sta pagando la mancanza di organizzazione, dai trasporti alla mancanza dei tamponi rapidi. Servono i test, non i banchi a rotelle. E servono i soldi del Mes: continuare a dire NO al Mes in questa fase non è ideologia ma è puro masochismo. Chiedere di organizzarsi meglio – continua Renzi – non è lesa maestà ma buon senso. Siamo in maggioranza ma non siamo mai stati e mai saremo Yes Man».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube