Diritto e Fisco | Articoli

Cosa sono i contratti di formazione e lavoro?

27 Dicembre 2020
Cosa sono i contratti di formazione e lavoro?

La Pubblica Amministrazione può assumere il personale con una speciale tipologia contrattuale ad alto contenuto formativo.

Stai cercando di entrare a lavorare nella Pubblica Amministrazione. Hai letto un bando di concorso relativo all’assunzione presso un Comune con contratto di formazione e lavoro. Vuoi sapere in cosa consiste tale tipologia contrattuale e quali tutele può offrirti.

Negli ultimi tempi, sono diversi gli enti pubblici che hanno deciso di utilizzare, per il reclutamento delle risorse umane, la tipologia del contratto di formazione e lavoro.

Ma cosa sono i contratti di formazione e lavoro? Si tratta di un contratto di lavoro atipico, nel quale è molto forte la componente formativa. Come vedremo, a partire dal 2003, questa tipologia contrattuale può essere utilizzata solo nel pubblico impiego.

Cos’è il contratto di formazione e lavoro?

Nel mercato del lavoro, sono presenti numerose categorie di soggetti che hanno bisogno, per poter avere la possibilità di inserimento nel lavoro, di ricevere una specifica formazione che consenta loro l’acquisizione di nozioni e competenze necessarie allo svolgimento dell’attività di lavoro.

Per perseguire questa finalità, oltre al contratto di apprendistato, è presente, nel nostro ordinamento, anche il contratto di formazione e lavoro. Si tratta di una tipologia contrattuale atipica che, in passato, poteva essere utilizzata sia nel settore pubblico che in quello privato.

Tuttavia, a partire dal 24 ottobre 2003, la riforma del mercato del lavoro [1] ha disposto che il contratto di formazione e lavoro possa essere stipulato solo dalle amministrazioni pubbliche e non dai datori di lavoro privati.

Ma cos’è il contratto di formazione e lavoro? Si tratta di un contratto a tempo determinato a causa mista, lavoro e formazione. Questa caratteristica lo accomuna al contratto di apprendistato. Infatti, anche nel contratto di formazione e lavoro, si riscontra la sussistenza, in aggiunta alla tipica causa del contratto di lavoro, ossia lo scambio tra prestazione di lavoro e retribuzione, di un ulteriore obbligo per il datore di lavoro: erogare al lavoratore la specifica formazione pattuita.

Contratto di formazione e lavoro: chi può stipularlo?

Il contratto di formazione e lavoro può essere stipulato solo con lavoratori in possesso di determinati requisiti anagrafici. In particolare, il lavoratore deve essere un giovane di età compresa tra i 16 e i 32 anni. Il requisito anagrafico, necessario per sottoscrivere tale tipologia contrattuale, deve essere posseduto dal lavoratore nel momento in cui viene assunto.

Contratto di formazione e lavoro: gli altri requisiti

Il contratto di formazione e lavoro deve essere obbligatoriamente sottoscritto in forma scritta e può prevedere sia un impegno temporale del lavoratore a tempo pieno sia a tempo parziale. L’importante è che il monte orario previsto sia sufficiente al raggiungimento dell’obiettivo formativo fissato nel contratto stesso.

Inoltre, prima di sottoscrivere il contratto di formazione e lavoro, il datore di lavoro deve redigere un apposito progetto formativo, che deve essere approvato dai competenti uffici del lavoro.

Nel progetto formativo dovranno essere specificati una serie di elementi che caratterizzeranno il futuro rapporto di lavoro, tra cui:

  • il Contratto collettivo nazionale di lavoro applicato presso la Pubblica Amministrazione;
  • la qualifica richiesta oggetto della formazione;
  • il livello iniziale e finale;
  • la durata del contratto di formazione e lavoro.

Infine, al contratto di formazione e lavoro deve essere allegato il percorso formativo individuale che il lavoratore seguirà durante lo svolgimento del rapporto contrattuale al fine di raggiungere la qualifica prevista.

Contratto di formazione e lavoro: le tipologie

Usualmente, i contratti di formazione e lavoro vengono divisi in due tipologie distinte (di tipo A e di tipo B) a seconda del fine formativo perseguito.

In particolare, si suole distinguere tra:

  • contratto di tipo A: il contratto di formazione e lavoro è finalizzato all‘acquisizione di professionalità intermedie o elevate. In questo caso, il contratto può avere una durata massima sino a 24 mesi e il datore di lavoro deve erogare al lavoratore una formazione pari a 80 ore, per l’acquisizione di professionalità intermedie, oppure pari a 130 ore, per l’acquisizione di professionalità elevata;
  • contratto di tipo B: il contratto di formazione e lavoro è finalizzato ad agevolare l’inserimento professionale del lavoratore attraverso un’esperienza lavorativa che permetta di adeguare le capacità professionali al contesto produttivo ed organizzativo. In tale ipotesi, la durata massima del contratto è di 12 mesi e il lavoratore deve ricevere almeno 20 ore di formazione.

note

[1] D. Lgs. 276/2003.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube