Cronaca | News

Covid: prorogato il divieto di licenziamento

27 Ottobre 2020
Covid: prorogato il divieto di licenziamento

Era un tema caldo, al centro di uno scontro Governo-sindacati: lo stop alla possibilità di mettere alla porta i lavoratori è confluito nel decreto Ristori.

Il blocco dei licenziamenti continua fino al 31 gennaio. La proroga è stata inserita nel provvedimento, approvato oggi in Consiglio dei ministri, sui ristori ai lavoratori danneggiati dalle chiusure del nuovo Dpcm.

Il divieto di licenziare era già in vigore e sarebbe scaduto il 31 dicembre. L’ipotesi di prolungarlo era stata annunciata dalla ministra del Lavoro Nunzia Catalfo. I sindacati avrebbero voluto la proroga fino a marzo.

Nel nuovo pacchetto di misure anche altre sei settimane a disposizione per chiedere la cassa integrazione Covid, per il periodo compreso tra il 16 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021. Riguardano chi ha già chiesto le nove settimane di cassa integrazione previste dal decreto agosto. Sarà interamente a spese dello Stato per le aziende colpite dal nuovo Dpcm.

Quanto agli indennizzi per le attività costrette a chiudere o alle limitazioni d’orario per effetto del decreto, i contributi in alcuni casi superano fino a quattro volte quanto ricevuto in primavera per far fronte alla diminuzione del fatturato. Non potranno comunque oltrepassare i 150mila euro e le percentuali varieranno a seconda del tipo di attività.

Le somme potrebbero raggiungere il 400% dei precedenti incassi, in particolare nel caso di alcune categorie, come discoteche e locali da ballo. Si aggirerebbe, invece, sul 200% del contributo a fondo perduto ottenuto nei mesi scorsi, per palestre, piscine, cinema e parchi tematici. I ristoranti dovrebbero ricevere tra il 150 e il 200% di quanto già incassato durante la prima ondata di Covid, anche se la percentuale è ancora da stabilire con precisione. Indennizzi al 150% per alberghi e case vacanza, al 100% per tassisti e noleggio con conducente.

Il decreto Ristori prevede anche lo stop dell’Imu per chi dovrà chiudere e un nuovo credito d’imposta per gli affitti; il blocco dei pignoramenti fino alla fine del 2020; il voucher per chi ha comprato biglietti per spettacoli fino al 31 gennaio 2021.

Sostegni anche ai lavoratori stagionali, dello spettacolo, intermittenti, porta a porta e prestatori d’opera, che riceveranno un’indennità da mille euro. Aumentate le risorse sul fronte della sanità e della cultura: 30 milioni di euro per i test antigenici rapidi; 100 milioni per editoria e librerie. I soldi, assicura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, arriveranno entro il 15 novembre.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube