Politica | News

M5S in grosse difficoltà in Europa

28 Ottobre 2020
M5S in grosse difficoltà in Europa

Il Movimento non ha ancora trovato un gruppo parlamentare a cui iscriversi e adesso si spiega anche perché i Verdi hanno detto «no grazie». 

Niente: il Movimento 5 Stelle un’alleanza in Europa, al momento, non ce l’ha. E questo è un problema, se si vuole contare qualcosa dentro al Parlamento di Bruxelles. Le elezioni, ormai, sono lontane nel tempo: la nuova legislatura è iniziata a maggio 2019, ma per i grillini continua ancora la ricerca di un gruppo politico con cui fare quadrato all’emiciclo Ue.

Oggi, l’Adnkronos ha pubblicato stralci di un documento in cui si spiega perché i Verdi europei non hanno accettato il matrimonio con i Cinque Stelle: colpa del loro deficit di democrazia interno. Un aspetto che sta molto a cuore agli ambientalisti europei, che non si interessano solo di cambiamento climatico e difesa del pianeta.

«Per noi è molto importante la democrazia interna alle forze politiche – ha spiegato all’agenzia di stampa la verde Ue Alexandra Geese – abbiamo fatto un’indagine su come funziona il M5S e siamo giunti alla conclusione che la democrazia interna al M5S non è sufficiente o abbastanza trasparente».

A non piacere ai Verdi europei è soprattutto il sistema decisionale pentastellato, forgiato sulla piattaforma Rousseau. «Non ci convinceva per una serie di motivi, a partire dalle obiezioni sollevate dal Garante per la Privacy e dal ruolo poco chiaro di Casaleggio. Tutto ciò ha pesato sulla decisione di non accoglierli nel gruppo».

Quindi, che si fa? Come prosegue la ricerca a cinque stelle di un posto al sole in Europa? Si è parlato, in questi giorni, di trattative con i macroniani di Renew e il Pse. Nessuna novità, per ora. Intanto, però, c’è aria di crisi e tensione palpabile dentro l’M5S Europa. Tant’è che una deputata, intervistata dal Corriere della Sera, ha ventilato l’ipotesi scissione. Rischio più che concreto anche sul suolo nazionale (per approfondire leggi qui: M5S nella bufera, verso la scissione).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube