Bonus decreto Agosto: partono domande e pagamenti

29 Ottobre 2020 | Autore:
Bonus decreto Agosto: partono domande e pagamenti

L’Inps precisa le categorie che hanno diritto all’indennità da 600 o 1.000 euro, con nuovi vincoli per alcuni lavoratori. L’elenco da scaricare.

L’Inps ha pubblicato la circolare che rende operativi i bonus previsti dal decreto Agosto e legati all’emergenza Covid. In sostanza, partono domande e pagamenti per le indennità da 600 o da 1.000 euro destinate a diverse categorie di lavoratori. Si tratta, perlopiù, di una mensilità aggiuntiva a quelle già previste dai precedenti decreti, cioè dal Rilancio e dal Cura Italia.

Hanno diritto all’indennità di 1.000 euro i lavoratori:

  • a tempo determinato dei settori turistico e termale;
  • stagionali dei settori turistico e termale, anche a somministrazione (questi ultimi se impiegati in un’azienda con codice Ateco tra quelli previsti dal decreto);
  • intermittenti e autonomi occasionali;
  • addetti alla vendita a domicilio;
  • stagionali di altri settori;
  • dello spettacolo (non è compatibile, in questo caso, con la pensione diretta o il contratto di lavoro dipendente).

Per quanto riguarda gli autonomi senza partita Iva, devono essere iscritti alla gestione separata dell’Inps dal 17 marzo 2020 ma devono anche aver maturato almeno un contributo mensile tra gennaio 2019 e febbraio 2020.

Hanno diritto, invece, all’indennità di 600 euro i lavoratori marittimi. Devono presentare domanda all’Inps, tramite il sito online dell’Istituto o un patronato oppure recandosi di persona allo sportello.

I lavoratori delle altre categorie devono presentare la richiesta solo se non l’hanno fatto per gli aiuti precedenti o se la loro domanda non era stata accolta. Gli aiuti verranno erogati fino al raggiungimento dei quasi 26 milioni e mezzo stanziati. L’indennità non è compatibile con il nuovo reddito di emergenza.

Per ulteriori informazioni, puoi scaricare la circolare dell’Inps con tutti i codici Ateco per i quali è riconosciuta l’indennità.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube