Covid: fissato il costo dei tamponi rapidi

30 Ottobre 2020 | Autore:
Covid: fissato il costo dei tamponi rapidi

Dal decreto Ristori 30 milioni di euro per fornire a medici e pediatri 2 milioni di test veloci da eseguire tra novembre e dicembre. Ma ci sono proteste.

Non più di 15 euro. Tanto deve costare fare un tampone antigenico rapido per sapere se si è stati contagiati dal Covid. Lo stabilisce il decreto Ristori, entrato in vigore ieri ed ora al Senato per il primo giro di discussioni e di eventuali modifiche in vista della sua conversione in legge (a meno che, visti i tempi ridotti, venga inserito direttamente nella legge di Bilancio).

Il decreto approvato mercoledì scorso garantisce l’arrivo entro dicembre di 2 milioni di tamponi rapidi che, come spiegato nella relazione tecnica allegata, prevedono «limitatamente al bimestre novembre-dicembre» oneri «pari a 30 milioni di euro».

Tuttavia, sulla somministrazione dei tamponi rapidi è in corso un’aspra polemica che potrebbe creare qualche problema operativo. Questi test, secondo un accordo appena siglato tra Governo e sindacati, dovrebbero essere effettuati dai medici di famiglia e dai pediatri nei loro studi o, se le condizioni non lo consentono, nelle aree attrezzate messe a disposizione dalle Asl. I beneficiari sono i cittadini che hanno avuto dei contatti stretti con persone positive al Covid ma asintomatiche, che devono essere visitati ma destano qualche sospetto di contagio e che hanno fatto 10 giorni di isolamento.

Tuttavia, questo accordo non ha avuto il consenso dei quattro sindacati interessati: solo due di loro ci hanno messo la firma. Il problema, secondo gli altri due sindacati, è che molti studi medici non sono idonei ad eseguire questo tipo di pratica perché di dimensioni ridotte, con una sola porta per entrare ed uscire e senza un’area dedicata che renda la procedura più sicura per medici e pediatri.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube