Cronaca | News

Covid: superati i 31mila casi

30 Ottobre 2020
Covid: superati i 31mila casi

La pandemia vola. Continua l’escalation dei contagi e la crescita dei ricoveri. Si va verso nuove restrizioni.

Sfondata anche la soglia psicologica dei trentamila positivi in più. Nelle ultime ventiquattr’ore, l’Italia è arrivata a quota 31.084 nuovi casi, tra guariti, vittime e chi ha scoperto di aver contratto il Coronavirus.

Ci sono 95 persone in più ricoverate in terapia intensiva; 199 i morti, mentre i tamponi eseguiti nella giornata di oggi sono stati 215.085. È positivo il 14,5% delle persone che si sottopongono ai test molecolari. Sono i dati del bollettino di oggi che fotografano una situazione in linea con la crescita esponenziale dei casi in tutta Europa.

In conferenza stampa, il presidente dell’Istitutivo superiore di sanità Silvio Brusaferro ha pronunciato una frase significativa: «Siamo in una situazione compatibile con lo scenario 3, verso lo scenario 4». Vuol dire che il Paese, dallo scenario 3, grave ma non ancora da lockdown, sta velocemente passando allo scenario 4, quello più grave, dove solo blindarsi può avere un qualche effetto sull’escalation di contagi (per approfondire leggi qui: Covid, l’Iss: si va verso il lockdown).

Brusaferro ha invitato le Regioni a prendere provvedimenti immediati, specie quelle in cui l’indice di contagio è più alto, cioè Campania, Lombardia, Liguria, Lazio e Valle D’Aosta. Anche a Bolzano si è verificata una crescita molto rapida dei positivi.

In particolare, come riporta il bollettino quotidiano della Protezione civile, la regione che registra più nuovi casi è la Lombardia (8.960), seguita da Campania (3.186) e Veneto (3.012). L’incremento così veloce dei contagi desta preoccupazione soprattutto per la tenuta del sistema sanitario nel breve periodo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube