Vaccino Covid: l’Oms dice quando arriverà

30 Ottobre 2020
Vaccino Covid: l’Oms dice quando arriverà

L’Organizzazione mondiale della sanità risponde alla domanda che tutti si pongono, in un focus sul suo sito Internet.

Per il vaccino contro il Coronavirus il mondo non dovrà aspettare molto. Parola degli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che fanno una loro previsione sulla tempistica. «Non sappiamo ancora esattamente quando un vaccino per Covid-19 sicuro ed efficace sarà pronto per la distribuzione, ma stimiamo che potrebbe essere tra l’inizio e la metà del 2021».

Così l’Oms ha risposto dal suo portale, in una sezione appositamente dedicata alle domande sul vaccino contro il Covid. Nessuno può dare una scadenza certa. L’ipotesi dell’Oms tiene conto delle fasi avanzate di sperimentazione cui sono giunti molti istituti di ricerca e aziende al lavoro da mesi su questo fronte.

«Si deve dimostrare che i vaccini sono sicuri ed efficaci in ampi studi clinici (fase III) – spiegano dall’Organizzazione -. Molti potenziali vaccini per Covid-19 sono allo studio e alcuni dei grandi studi clinici potrebbero riportare risultati alla fine del 2020 o all’inizio del 2021». Una volta concluse le sperimentazioni dei singoli preparati artificiali, si aprirà la fase del controllo indipendente dell’efficacia e delle prove di sicurezza, che comprende anche la revisione normativa e l’autorizzazione del Paese di produzione del vaccino.

I funzionari nei singoli Paesi, informa l’Oms, decideranno se approvare i vaccini per uso nazionale e svilupperanno politiche su come utilizzarli nel proprio Paese sulla base delle raccomandazioni dell’Oms.

Serviranno quantità esorbitanti di dosi, per assicurare una copertura adeguata: tutto il mondo sta aspettando questo vaccino. La distribuzione dovrà passare per un’accurata gestione delle scorte. «Una sfida importante e senza precedenti – commentano dall’Organizzazione – continuando nel contempo a produrre tutti gli altri importanti vaccini salvavita già in uso».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Ogni giorno escono queste notizie che sembrano rivoluzionare tutto, invece, si danno false speranze e poi arriva il momento in cui il vaccino dovrebbe essere pronto e si dice che non va, che serve altro tempo, che le sperimentazioni di qua e di là non danno esiti postivi. Allora, voi scienziati, perché non vi esponete solo quando avete certezze? Ci avete seccato e messo ansia!!!

  2. SE andiamo l’Organizzazione mondiale della sanità allora non ne usciamo più. In questa pandemia, si è rivelata inaffidabile. Io non so più a chi credere. Pure le fonti ufficiali non sono sicure di quel che dicono certe volte e questo stato d’animo di speranza e di disillusione ci sta facendo impazzire

  3. Per me può essere prono domani ma col cavolo che me lo faccio. Io sono vecchio e voglio morire come Dio vuole. Questo vaccino non mi dà certezze e mi sentirei una cavia. Sembra che vogliono sterminarci. Ce la stanno proprio tirando a noi vecchietti. Fateci godere i nipotini e la pensione dopo anni di sacrifici.

Rispondi a Nonno Pino Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube