Blocco dei licenziamenti: Conte annuncia la novità

30 Ottobre 2020
Blocco dei licenziamenti: Conte annuncia la novità

Il presidente del Consiglio avrebbe detto che il divieto di mettere alla porta i lavoratori verrà prorogato fino a marzo. Per ora, è valido fino al 31 gennaio.

Il Governo vuole tutelare i lavoratori e dare loro un segnale di sicurezza, mentre il Paese si appresta a vivere un altro momento di sofferenza. Con questa intenzione il premier Giuseppe Conte avrebbe annunciato un’ulteriore proroga del blocco dei licenziamenti: lo rivelano fonti sindacali, come riporta l’agenzia di stampa Adnkronos.

«Proroga del blocco dei licenziamenti fino alla fine di marzo: affrontiamo la sfida della pandemia ma cercheremo di preservare i livelli occupazionali», sarebbero state le parole di Conte durante il vertice con Cgil, Cisl e Uil. Era la misura che più stava a cuore ai sindacati.

Il decreto Ristori, approvato il 28 ottobre in Consiglio dei ministri, aveva esteso il divieto per le aziende di licenziare – che sarebbe scaduto il 31 dicembre – fino al 31 gennaio (per approfondire leggi qui: Covid: prorogato il divieto di licenziamento; Covid: il licenziamento diventa più difficile). Le sigle sindacali chiedevano la proroga fino a primavera, per proteggere i lavoratori per tutto l’inverno e in mesi che si preannunciano difficili.

«Sarebbe assolutamente sbagliato in questo momento dare l’impressione che dal primo febbraio si possa licenziare, socialmente può diventare pericoloso», aveva dichiarato ieri Annamaria Furlan, leader della Cisl. Conte, con le sue ultime dichiarazioni, sembra essersene convinto.

«Fino alla fine di marzo sarà tutto bloccato – avrebbe detto il capo del Governo -. Offriamo un orizzonte certo a tutti i lavoratori italiani. Condividiamo il fatto che sia il momento di dare un segnale di sicurezza a tutto il mondo del lavoro».

Il presidente del Consiglio ha anche detto che «la cassa Covid sarà gratuita per i datori di lavoro. Stiamo vivendo una situazione complessa. Per questo, il Governo ritiene di dover fare uno sforzo finanziario ulteriore».

«Il blocco dei licenziamenti fino al 21 marzo è un risultato importante per le lavoratrici e i lavoratori di questo Paese – è stata la dichiarazione a caldo del leader della Uil, Pierpaolo Bombardieri -. Uscire dalla crisi non sarà facile ma ci impegneremo con determinazione e impegno comune. Oggi il Governo ha fatto la scelta giusta».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube