Esenzioni Imu: le novità dopo il Dpcm

31 Ottobre 2020 | Autore:
Esenzioni Imu: le novità dopo il Dpcm

Rientrano nell’agevolazione le attività penalizzate dall’ultimo provvedimento del Governo, ma gestore e proprietario devono essere la stessa persona.

Le attività che sono interessate dalle chiusure o dalle limitazioni imposte dall’ultimo Dpcm anti-Covid saranno esenti dal pagamento della seconda rata Imu. Si parla, dunque, di palestre, bar, ristoranti e degli altri esercizi penalizzati dal recente provvedimento del Governo. Ad una condizione, però: che il gestore dell’attività ed il proprietario del locale siano la stessa persona.

Questo significa che il proprietario di un immobile in cui sorge un esercizio pubblico gestito in affitto da un’altra persone non avrà diritto all’esenzione dall’Imu, poiché è l’inquilino a pagare il prezzo più alto del Dpcm.

In questo modo, si allarga la platea di chi non deve versare la seconda rata dell’imposta comunale, quella prevista per metà dicembre. In passato, infatti, il decreto rilancio aveva escluso dal pagamento:

  • stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali nonché immobili degli stabilimenti termali;
  • alberghi e pensioni, agriturismo, immobili di villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna, colonie, affittacamere per soggiorni brevi, case ed appartamenti per vacanze, bed&breakfast, residence e campeggi, purché proprietario e gestore siano la stessa persona;
  • immobili che rientrano nella categoria catastale D in uso per fiere o manifestazioni.

L’acconto Imu è stato, poi, cancellato anche per cinema e teatri accatastati nella categoria D3, discoteche, night club e simili. Per alberghi e pensioni, l’esenzione interessa sia la prima rata Imu sia il saldo.

Ora, è stata disposta l’esenzione anche per gli esercizi interessati dall’ultimo Dpcm e per le loro pertinenze. La condizione è sempre la stessa: proprietario e gestore devono essere la stessa persona. Inoltre, conta la destinazione d’uso dell’immobile, tranne per:

  • alberghi e pensioni accatastati come D2;
  • cinema, teatri e sale da concerto accatastate come D3;
  • unità in uso alle imprese che svolgono attività fieristica.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube