Covid: dove non si deve andare a scuola lunedì

31 Ottobre 2020 | Autore:
Covid: dove non si deve andare a scuola lunedì

Superiori a distanza in 10 regioni: deciso lo stop anche in Piemonte, Basilicata e Marche. In Umbria, stop alle medie.

Mentre il Governo decide in questo weekend eventuali ulteriori provvedimenti sul Covid a livello nazionale, cambia la mappa delle regioni in cui è ancora possibile andare a scuola per assistere alle lezioni in presenza. Altri governatori hanno seguito l’esempio dei presidenti che avevano chiuso o limitato la didattica nelle aule, costringendo studenti e docenti alla didattica a distanza.

Gli ultimi a decidere la chiusura delle superiori sono stati i governatori di Basilicata, Piemonte e Marche. I primi due hanno già firmato l’ordinanza, mentre il presidente delle Marche la renderà ufficiale oggi. A queste tre si aggiunge l’Umbria, che ha optato per le lezioni a distanza delle medie superiori e di quelle inferiori.

In particolare, in Piemonte resterà sospesa l’attività didattica in presenza nelle superiori dal 2 al 24 novembre, ad eccezione delle attività curriculari in laboratorio e delle attività per gli studenti che hanno dei bisogni educativi speciali.

Didattica a distanza da lunedì anche in Basilicata per le scuole di secondo grado, mentre nelle Marche lo stop scatterà da martedì 3 novembre, sempre per tutte le scuole superiori.

In questo modo, sale a 10 il numero delle regioni in cui sono sospese le scuole superiori: oltre a Piemonte, Basilicata e Marche, ci sono, infatti, Lombardia, Abruzzo, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. Inoltre, in Umbria lezioni a distanza per le medie, mentre in Puglia andranno a scuola solo i bambini delle materne. In Campania, infine, restano chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube