Diritto e Fisco | Articoli

Affitto: per l’appartamento danneggiato l’inquilino risarcisce coi canoni di locazione

16 Dicembre 2013
Affitto: per l’appartamento danneggiato l’inquilino risarcisce coi canoni di locazione

Non solo il danno emergente, ma anche il lucro cessante per il locatore che avrà diritto, in caso di appartamento danneggiato, a percepire un risarcimento pari ai canoni di locazione che avrebbe ottenuto se avesse riaffittato l’immobile durante il tempo necessario al ripristino.

L’inquilino che lascia l’appartamento in cattive condizioni risponde di due voci di danno:

– dei costi sostenuti dal proprietario per far riparare l’immobile;

– del mancato incasso dei canoni di locazione che il padrone di casa avrebbe percepito nel periodo in cui ha dovuto far eseguire i lavori per rendere affittabile l’appartamento.

A dirlo è stata una recente sentenza della Cassazione [1].

Capita spesso che, dopo che l’inquilino abbia riconsegnato l’appartamento in locazione, il proprietario si accorga di piccoli o grandi danni tra le mura. Così quest’ultimo deve, di solito, provvedere a ripristinare l’immobile prima di darlo di nuovo in locazione a un altro soggetto.

Ebbene, in tali casi, se per le condizioni in cui si trova l’immobile il locatore non ne ha potuto usufruire (personalmente o locandolo nuovamente), all’ex inquilino può essere chiesta, in risarcimento, una somma pari al canone di locazione che il proprietario avrebbe riscosso se la locazione fosse continuata (ma ciò fino al momento nel quale l’attività di ripristino si sarebbe potuta completare).


note

[1] Cass. sent. n. 27614 del 10.12.2013.

 

Autore immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube