Bonus bici e monopattini: cosa fare da domani per averlo

2 Novembre 2020
Bonus bici e monopattini: cosa fare da domani per averlo

Tutti pronti per il clickday di domani. Il beneficio andrà ai più veloci nel fare domanda, fino a esaurimento del plafond massimo di 210 milioni di euro.

Chi vuole accaparrarsi il bonus mobilità dovrà fare in fretta. Scatta domattina alle 9 la corsa per ottenere l’agevolazione, che coprirà il 60% del costo di una bicicletta, un monopattino o un mezzo di mobilità dolce (purché il prezzo sia entro i 500 euro).

Un vero e proprio clickday: gli interessati dovranno collegarsi alla piattaforma buonomobilità.it, registrarsi e compilare la domanda. Per accedere serviranno le credenziali del Sistema pubblico di identità digitale (Spid).

Chi ha già comprato il suo mezzo a impatto zero, tra il 4 maggio e il 2 novembre, potrà avere il rimborso nella misura del 60%, caricando la fattura o lo scontrino parlante sulla piattaforma.

Chi, invece, vuole usufruire dello sconto all’atto dell’acquisto, sempre previa registrazione, potrà scaricare un voucher della durata di trenta giorni che consegnerà al punto vendita, dove pagherà solo il 40% dell’importo. Il resto sarà rimborsato al negoziante che ha aderito all’iniziativa.

Per far presto, è indispensabile farsi trovare pronti, muniti di fattura o scontrino elettronico (per chi ha già comprato) scannerizzato e convertito in formato pdf, credenziali Spid e proprie coordinate bancarie.

La necessità di correre per chi non vuole rinunciare allo sconto sta nella non illimitatezza delle risorse disponibili: 210 milioni di euro in tutto, erogati ai beneficiari in base all’ordine di assegnazione delle domande. Non farà fede, quindi, la data in cui si è acquistato il proprio mezzo di mobilità dolce. Altri 80 milioni sarebbero già previsti per un’eventuale proroga.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube