Politica | News

Covid: il richiamo di Mattarella alle Regioni

2 Novembre 2020
Covid: il richiamo di Mattarella alle Regioni

Il messaggio del capo dello Stato: non può essere il tempo delle divisioni.

Sergio Mattarella fa appello alla collaborazione tra istituzioni. Con le tensioni sociali alle stelle, l’incertezza per il futuro prossimo e una pandemia che non accenna a rallentare, il presidente della Repubblica ha voluto farsi sentire, oggi, per provare a sbloccare l’impasse sul nuovo dpcm.

Mattarella ha chiamato in videoconferenza il presidente della conferenza Stato-Regioni Stefano Bonaccini e il governatore della Liguria Giovanni Toti. Il capo dello Stato ha voluto ribadire il «ruolo decisivo delle Regioni nell’affrontare la pandemia» e ha detto che spera nella «più stretta collaborazione tra tutte le istituzioni dello Stato».

In tal modo, è intervenuto a ricordare come le divisioni siano non solo inutili, ma anche nocive adesso che è il momento di prendere decisioni nell’interesse del Paese. Nella discussione sulle nuove restrizioni da adottare, Governo e Regioni sono apparsi ancora una volta spaccati.

Le Regioni – in particolare il governatore della Campania Vincenzo De Luca – contestano le misure mirate alle singole aree a rischio, preferendo provvedimenti omogenei e di responsabilità dell’esecutivo. Non sono d’accordo neanche con le limitazioni agli spostamenti  extraregionali. L’intervento di Mattarella suona come un «diamoci un taglio, non può essere il tempo delle divisioni e dei rimpalli».

Messaggio recepito sia da Bonaccini, sia da Toti. Il primo ha scritto sul suo profilo Facebook che «ora più che mai dobbiamo mettere da parte appartenenze politiche e geografiche per pensare al bene del Paese». Il secondo, invece, si è impegnato ad assicurare da parte sua «la più ampia collaborazione».

Anche il capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio, oggi, ha rivolto a Conte un invito a non temporeggiare, suonato, se non proprio come un ultimatum, almeno come un segnale di insofferenza di settori della stessa maggioranza.

«Serve il coraggio di dire che la priorità assoluta è fermare il contagio, non c’è un’altra priorità – ha detto Delrio -. Quindi chiedo a lei, presidente Conte, di pronunciare di fronte al Paese la verità, non è il momento di guardarci l’ombelico e di guardare alla popolarità. I cittadini hanno bisogno di provvedimenti chiari e semplici, per questo chiediamo nella risoluzione misure quasi automatiche che scattano con l’aumentare dei contagi. Il governo e le istituzioni sanitarie dicano parole chiare e semplici e indichino la strada in maniera forte».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube