Bonus affitti fino a dicembre ma non per tutti

3 Novembre 2020 | Autore:
Bonus affitti fino a dicembre ma non per tutti

Prorogato il credito d’imposta del 30% e del 60% fino alla fine dell’anno. Ma solo per chi è interessato dalle nuove chiusure Covid: contano i codici Ateco.

Il bonus affitti per i titolari di alcune attività commerciali viene prorogato fino alla fine dell’anno. Il decreto Ristori dà la possibilità di usufruire del credito d’imposta sui canoni di ottobre, novembre e dicembre. Ma riduce anche la platea dei beneficiari: l’agevolazione, infatti, sarà riservata solo a chi rientra nei settori colpiti dalle nuove chiusure decise dal Governo nella seconda ondata dell’emergenza Covid in base ai rispettivi codici Ateco.

La buona notizia, oltre al fatto della proroga, è che per accedere al bonus non c’è più il requisito di essere un soggetto «esercente attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel 2019». Significa che l’agevolazione sui canoni di affitto è fruibile, come recita il decreto Ristori, «indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente». Sarà sufficiente svolgere l’attività di uno dei codici Ateco indicati nel decreto.

Quella che non cambia rispetto al decreto Rilancio è la parte che riguarda i locatari: possono beneficiare del bonus solo se hanno avuto una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno 50% rispetto ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2019.

Immutato anche il valore del bonus: il 60% del canone di locazione di immobili ad uso non abitativo ed il 30% del canone per affitto di azienda. Non c’è un riferimento esplicito, ma si intende prorogata anche la maggiorazione dell’aliquota che riguarda le strutture turistico-ricettive. In pratica, questo tipo di imprese si vedono aumentare il bonus dal 30% al 50% se operano con contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda ed hanno almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube