Covid: ecco il test da fare ai bambini

3 Novembre 2020 | Autore:
Covid: ecco il test da fare ai bambini

Lo hanno ideato quattro scienziate e mamme che lavorano all’Università statale di Milano: è il tampone per i piccoli, stessa efficacia di quello molecolare.

È una creazione italiana, ispirata al protocollo di un tampone che aveva già avuto successo negli Stati Uniti: il test salivare per i bambini. A tutti gli effetti un tampone molecolare riservato ai più piccoli, per la rilevazione del Coronavirus, solo meno invasivo e con lo stesso grado di affidabilità.

Lo ha sviluppato un team di ricercatori dell’Università statale di Milano, coordinato da Gianvincenzo Zuccotti, in base a un protocollo dell’Università di Yale disponibile in open science.

Il tampone classico, infatti, non è doloroso ma fastidioso senz’altro, perché l’operatore che lo effettua deve prelevare materiale abbastanza da averne a disposizione per valutare se ci sono tracce di virus.

Il tampone per bimbi, invece, implica una minore collaborazione da parte del piccolo che si sottopone all’esame. È in grado di individuare il virus anche in pre-sintomatici e asintomatici. Il suo punto di forza consiste nell’altissima affidabilità, a partire dalla raccolta di un campione di saliva con un piccolo rullo di cotone che viene passato sotto la lingua. Per questo è meno invasivo del tampone tradizionale.

Del team che ha messo a punto questo test fanno parte quattro scienziate mamme: Elisa Borghi, Daniela Carmagnola, Claudia Dellavia e Valentina Massa. Tra tutte e quattro hanno undici figli.

«Nei mesi scorsi ci siamo chieste come avremmo passato l’inverno, con i bambini obbligati al tampone ogni volta che si prendevano un raffreddore, frequenti nei mesi freddi», ha spiegato Borghi. Hanno contattato i colleghi di Yale dopo aver letto che un loro test per bimbi aveva già ricevuto l’ok della Food and drug administration (Fda). A settembre, il test della Statale era pronto.

Il test identifica soggetti con alta carica virale anche quando non presentano sintomi o non li hanno ancora; è noto come i bambini non siano immuni dal Covid, ma spesso lo sviluppano in forme più blande. Grazie a questo test si possono isolare i cosiddetti «superspreader»,  responsabili dell’80% dei contagi. Questo tipo di tampone è inoltre eseguibile anche a casa, anche se poi deve necessariamente essere portato in laboratorio per essere fatto analizzare. Il risultato si ottiene in 24 ore.

«È un tampone veloce, facile che potrebbe essere messo a disposizione dei pediatri di famiglia per diagnosticare in maniera non invasiva l’infezione da Sars-CoV-2, almeno tra i bambini di 3-6 anni che, come è noto, sono spessissimo soggetti a forme virali e per i quali il rischio di ricorrere ripetutamente durante l’inverno al tampone nasofaringeo e alle code dei drive-through è molto elevato», ha spiegato Zuccotti, docente di Pediatria e preside di Medicina e Chirurgia alla Statale.

L’affidabilità dei risultati è pari al 96%, la stessa del tampone classico, superiore, quindi, a quella dei test rapidi antigenici.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube