HOME Articoli

Lo sai che? Condominio: chi paga le lettere di sollecito ai morosi

Lo sai che? Pubblicato il 18 dicembre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 18 dicembre 2013

Nel nostro condominio, l’amministratore ha iniziato a inviare una serie di numerose lettere raccomandate ai debitori, per intimare loro il pagamento degli oneri condominiali arretrati. Chi deve sostenere tali spese postali?

Le spese postali per inviare solleciti di pagamento ai condomini morosi sono, con tutta evidenza, spese di amministrazione sostenute nell’interesse di tutti i condomini.

Tali spese non possono, almeno in prima battuta, essere addebitate dall’amministratore ai condomini morosi, salvo che ciò non sia previsto nel regolamento condominiale.

Pertanto gli oneri dovranno essere ripartiti tra i condomini, in ragione dei millesimi, per come avviene con tutte le altre spese condominiali.

Resta però salva la possibilità, al termine di una causa contro il condomino moroso (e solo se lo prevedere la sentenza definitiva) di addebitare a quest’ultimo, in via esclusiva, le spese sostenute per il procedimento giudiziale, a partire dalle raccomandate di diffida [1].

In tali casi, dunque, l’amministratore di condominio potrà agire con decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo, con contestuale liquidazione delle spese legali a carico dell’inadempiente. A riguardo, si rinvia all’articolo “Recupero del credito verso i condomini coi verbali di assemblea”.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI