Digitale: da Enterprise Portale Wte che aiuta made in Italy al tempo del lockdown

4 Novembre 2020
Digitale: da Enterprise Portale Wte che aiuta made in Italy al tempo del lockdown

Roma, 3 nov. (Labitalia) – Un’iniezione di fiducia nel mondo del credito e un’accelerata al sistema dei pagamenti. Viene presentato giovedì 5 novembre al Salone dei Pagamenti 2020 – quest’anno in versione digital – il Portale corporate multi-servizi Wte-World Trade Ecosystem, uno strumento fondamentale per il mondo dell’import/export, e dunque per il made in Italy, pensato da Enterprise Spa, azienda italiana con base a Roma, leader nella progettazione di software bancari. Il Portale Wte fa leva sui cosiddetti ‘crediti di firma’, che consentono esborsi di denaro a favore del cliente senza un effettivo pagamento, ma con l’impegno della banca a pagare eventuali debiti del cliente verso terzii, e sul ‘credito di filiera’, attraverso cui un’azienda garantisce per i prestiti accordati ai propri fornitori, permettendo loro di ottenere finanziamenti competitivi, utilizzati per la produzione delle forniture destinate alla capofila, senza impegnare la propria linea di credito.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube